gtag('config', 'UA-102787715-1');

I cinque classici dei Led Zeppelin migliori di tutti i tempi

Il sound dei Led Zeppelin si è affermato nella storia del Rock come uno dei migliori di tutti i tempi. I loro brani dimostravano un eclettismo e una tenacia fuori dal comune, permettendogli di godere di successo istantaneo. I Led Zeppelin divennero una vera e propria istituzione sin dai loro esordi, grazie ad uno stile inconfondibile, attraverso il quale, ridimensionarono totalmente i paradigmi assertivi posti alla base della sfera compositiva, fino ad allora, tipica del Rock.

Proclamati come pionieri della musica moderna, Robert Plant, Jimmy Page, John Bonham e John Paul Jones, si sono rivelati portavoce di un movimento culturale massivo che, ancora oggi, è tra i più influenti e diffusi sul panorama popolare contemporaneo. Appassionando milioni di giovani, attraverso gli echi delle generazioni che continuano ad attraversare, gli Zeppelin si sono dimostrati ineluttabili persino innanzi all’inesorabilità del tempo.

Ad oggi, il loro apporto sui musicisti che annoverano le scene è inimmaginabile. Chiunque, prima o poi, lungo il proprio percorso musicale, incappa nei grandi classici dei Led Zeppelin. Composizioni strabilianti, capaci di collimare alla perfezione diversi generi, senza mai risultare superflui o stucchevoli. In questa classifica, abbiamo raccolto alcuni di quelli che, secondo noi, sono tra i migliori classici dei Led Zeppelin di tutti i tempi.

5) The Immigrant Song

Il brano è contenuto nel terzo album in studio dei Led Zeppelin. Ciò che rende The Immigrant Song un classico intramontabile, più volte omaggiato da diversi artisti, tra cui Nirvana e Van Halen, è la prorompente linea vocale. Grazie a Robert Plant e alla sua magnifica voce, The Immigrant Song è diventata una pietra miliare del Rock classico, affermandosi come la miglior traccia d’apertura di tutti i tempi.

 4) Kashmir

Contenuto in uno dei dischi più famosi di sempre, Kashmir è una manifestazione d’estro e tecnicismo fuori dal comune. Quella dei Led Zeppelin era una figura mistica, a tratti demonizzata, ma sempre rivestita da un alone di aureo splendore; atto a contrapporsi con il tenebroso mistero nel quale, essi stessi, tesero ad avvolgersi. Con Kashmir e le sue atmosfere orientaleggianti, il discorso si amplifica a livelli esponenziali, contribuendo, ampiamente, alla consacrazione dei quattro Zeppelin all’eterno.

3) Rock And Roll

Sono davvero poche le canzoni che infondono adrenalina allo stato puro sin dalla prima nota. Da quando John Bonham colpisce, deciso, il rullante, all’inizio della canzone, chiunque sa che, da li in avanti, tutto ciò che gli si paleserà innanzi, sarà Rock N’Roll nudo e crudo. Nonostante si tratti di un brano che si discosta abbastanza dai canoni classici del sound dei Led Zeppelin, Rock And Roll non può non essere un classico senza tempo. Basato sulla progressione base di un Blues a 12 barre, il pezzo stravolge completamente anche le certezze degli ascoltatori più esigenti. I Led Zeppelin sono stati capaci di raccogliere classici della musica sotto la propria ala, trasformandoli nel miglior modo possibile, dando luogo ad alcuni tra i più grandi capolavori della storia del Rock.

2) Whole Lotta Love

L’inverno del 1969 sancì l’ascesa definitiva del mito dei Led Zeppelin. Contenuta nel loro secondo album che, appena dopo la sua pubblicazione, li portò a nuovi livelli di fama; superando artisti come i Rolling Stones, i Beatles e, addirittura, Jimi Hendrix, Whole Lotta Love si è affermata come l’archetipo dell’Hard Rock, spianando la strada ai giovani che, poco tempo dopo, avrebbero dato luogo alle correnti più Heavy del genere. Il brano è, nella sua interezza, un’esplosione di incendiaria ferocia. In 5 minuti, i Led Zeppelin hanno proclamato la loro egemonia su una scena, mai come allora, pullulante di leggende viventi. L’opera chitarristica di Whole Lotta Love è unica sotto ogni aspetto e risultò il fulcro dell’intero brano. L’eclettismo di John Bonham alla batteria, misto alla sua furia e la sensualità della voce di Robert Plant alzarono l’asticella, già di per sé, altissima, di Whole Lotta Love in termini di prestigio e tecnica.

1) Stairway To Heaven

Un brano intriso di misticismo, dietro il quale si cela un percorso storico leggendario. In molti accreditano a Stairway To Heaven di essere il miglior brano dei Led Zeppelin in assoluto; altri, invece, credono sia la canzone Rock più grande di tutti i tempi. Ciò che è certa ed inoppugnabile, è l’irraggiungibile magnificenza del brano sotto ogni aspetto. Un’opera Rock sublime, che si oppose, vincendo, anche ai tagli in radio. Risulta praticamente impossibile non rimanere inebriati all’ascolto di una composizione così eclettica; ricca di significato che, pur ripercorrendo atmosfere solenni e sommesse, riesce a ritrovare la propria ferocia in una seconda parte a dir poco esplosiva. Stairway To Heaven racchiude uno dei migliori assoli di chitarra nella storia del Rock ed è tratta dal quarto album dei Led Zeppelin, il disco che ha conquistato il maggior numero di vendite nell’intera discografia della band.

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)