gtag('config', 'UA-102787715-1');

Corey Taylor: “Ecco qual è la mia canzone preferita degli Slipknot”

L’iconico album di debutto degli Slipknot sancì, per loro, un punto di svolta assoluto. La scena musicale tra la fine degli anni ’90 e l’inizio dei 2000, era particolarmente fervente, ma gli Slipknot seppero stravolgerla totalmente. Il loro self-titled lasciò che si affermassero come una vera e propria istituzione nel mondo della musica Metal, svettando sulle classifiche in tutto il mondo attraverso un’incredibile falcata di brutale ferocia.

A 21 anni dall’uscita di quella pietra miliare che, il self-titled degli Slipknot rappresenta, il leggendario leader dei Nove del nodo, Corey Taylor, ha ricordato con nostalgia i primi anni del gruppo; rivelando che la sua canzone preferita, nella straordinaria discografia degli Slipknot, risalga proprio al disco di debutto della band. Nel corso di alcune riflessioni rilasciate sul Knotfest, Corey Taylor ha spiegato i motivi per cui la sua canzone preferita sia Scissors; un brano sperimentale che, secondo lui, ha meravigliosamente resistito all’inesorabilità del tempo.

Perché Scissors è la canzone degli Slipknot preferita da Corey Taylor?

Il frontman degli Slipknot e Stone Sour, Corey Taylor, ha approfondito le motivazioni per le quali, Scissors, sia la sua canzone preferita: “Adoro quella traccia perché ogni volta che la proponiamo dal vivo, improvvisiamo tutta la seconda metà. L’abbiamo sempre suonata nel suo stato più selvaggio, nella libertà più totale. Scissors è sempre stata straordinariamente violenta ed è per questo che è la mia preferita in assoluto. Null’altro potrebbe rimpiazzarla per me. Quando abbiamo smesso di proporla dal vivo, mi è risultato molto difficile divertirmi sul palco. La cosa è durata per molto tempo”.

Dal punto di vista lirico, Corey Taloyr ha rivelato che Eyeless, occupi un posto speciale nel suo cuore essendo che, il celeberrimo brano, sia uno dei più introspettivi che il cantante abbia mai scritto. “Eyeless parla dell’assenza di mio padre nella mia vita, delle dipendenze di cui caddi vittima da ragazzo e di quanto, entrare in terapia in così tenera età, mi abbia segnato. Non ho mai scritto qualcosa di così crudo e aperto. Durante i miei trattamenti mi ripetevano con fortissima insistenza che tutti i miei problemi stessero solo nella mia testa. Queste parole echeggiano nella mia mente ancora oggi”.

 Le parole di Joey Jordison

Sebbene Joey Jordison abbia lasciato gli Slipknot ormai anni fa, il leggendario batterista, membro fondatore del gruppo, ha speso parole di emozione e nostalgia riguardo il suo percorso con la band. “Quel disco ha reso tutti i nostri sogni realtà”, ha detto. Successivamente, il batterista ha affermato: “Sembra quasi impossibile che siano passati tutti questi anni. Quell’album è stato e sarà per sempre il più bel ricordo della mia vita. Non c’è niente di simile a quel disco. Ancora oggi, la scena Metal ne risente l’effetto. Gli Slipknot sono diventati un fenomeno dilagante in tutto il mondo dopo il self-titled. Nessuno di noi si aspettava un’esplosione simile!”.

“Eravamo così determinati – ha continuato- eravamo pronti a prenderci il mondo e l’abbiamo fatto. Non avevamo paura di nessuno ed era quello che dimostravamo sul palco. Voglio ringraziare tutte le persone che hanno reso questo sogno realtà, la Roadrunner Records e i nostri fan”.

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)