Courtney Love, 5 curiosità sulla vedova di Kurt Cobain

Amata e odiata. Frontman influente del grunge femminile anni ’90 e icona di moda e stile. Fascino ribelle e maledetto. Artista, cantante, pittrice, moglie e madre. Tutto questo e molto altro è Courtney Love. Nota soprattutto per essere stata la leader delle Hole e la compagna di Kurt Cobain, la Love ha fatto e fa ancora parlare di sé. Osteggiata da moltissimi e idolatrata da altrettanti. Nel 1990 inizia la sua tormentata e intramontabile storia d’amore con il leader dei Nirvana, vissuta all’insegna della dipendenza da eroina e della passione. I due si sposano nel 1992 alle Hawaii e dalla loro unione nasce Frances Bean Cobain. Quando, nel 1994, Cobain viene ritrovato morto nella propria abitazione di Seattle iniziano a nascere teorie sul fatto che proprio la Love potrebbe essere la mandante dell’omicidio del compagno. Nonostante questo, e oltre questo, la cantante va avanti con la sua vita e continua a fare scalpore con il suo carattere irriverente e fuori dagli schemi. Vediamo 5 curiosità su Courtney Love.

Il passato da spogliarellista

La vita turbolenta e trasgressiva della cantante delle Hole è sicuramente stata influenzata da un’infanzia e un’adolescenza difficili. Dopo il divorzio dei propri genitori – quando aveva solo 15 anni – Courtney Love decise di iniziare a mantenersi da sola. Gli anni della ribellione giovanile e dalla ricerca di una propria identità trascorsero tra case di accoglienza e lavori saltuari. I primi guadagni li fece però lavorando come spogliarellista in un locale di Portland.

Il matrimonio intimo con Kurt Cobain

Nel 1992 la ribelle cantante delle Hole e l’angelo maledetto del grunge convolano a nozze alle Hawaii. Kurt Cobain e Courtney Love si sono conosciuti due anni prima ad un concerto dei Nirvana. Lei è stata attratta dal fascino complesso del cantante e lui dalla sua somiglianza con la donna di Syd Vicious, icona del punk rock. Durante il matrimonio la sposa indossa un abito precedentemente appartenuto all’attrice Frances Farmer e lo sposo un pigiama di flanella verde. Alla cerimonia sono presenti solo 8 invitati – e di questi non fanno parte i parenti della coppia – tra cui Dave Grohl, all’epoca batterista dei Nirvana.

Courtney Love e Weinstein

La cronaca hollywoodiana degli ultimi anni è stata, purtroppo, deturpata dallo scandalo Weinstein. Il produttore cinematografico è stato infatti accusato, da numerose attrici, di molestie sessuali. Prima che scoppiasse la bomba, Courtney Love aveva già anticipato la storia nel 2015. All’epoca, in occasione di un’intervista, la vedova di Kurt Cobain aveva risposto ad una domanda riguardo qualche consiglio da dare alle giovani attrici. “Se lo dico mi fanno causa. Se Harvey Weinstein ti invita ad una festa privata al Four Season, non andarci” aveva risposto la cantante delle Hole.

La carriera da attrice

Oltre al passato da frontman e cantante delle Hole – che l’ha trasformata in un’icona della musica grunge femminile degli anni ’90 – Courtney Love ha provato anche la carriera recitativa. Dopo alcune comparse in vari film – uno anche a fianco di Jim Carrey – ha preso parte alle settima stagione di Sons of Anarchy. Nella celebrata storia che segue le vicende di una gang di motociclisti, la vedova di Kurt Cobain veste i panni di un’insegnante. Fun fact: anche Marilyn Manson ha recitato in Sons of Anarchy nel ruolo di un sostenitore della supremazia della razza bianca!

Le ceneri di Kurt Cobain

Questa curiosità ha più del macabro e del grottesco, che dell’interessante. Durante un’intervista con Neil Strauss, Courtney Love confessò un desiderio inquietante riguardo alle ceneri di Kurt Cobain. All’epoca, ancora dipendente dalle droghe, mostrò a Strauss una bustina contenente i resti del cantante dei Nirvana. Il desiderio della frontman delle Hole era quello di sniffarle, cosa che propose anche allo scrittore. Lui ovviamente rifiutò!

 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.