gtag('config', 'UA-102787715-1');

Crossroads: La storia del festival organizzato da Eric Calpton

Eric Clapton è uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi. Il suo stile musicale, gli permise di affermarsi, sin dai suoi esordi, come un punto di riferimento particolarmente brillante sulle scene. A dispetto delle innumerevoli controversie e dei numerosissimi crolli emotivi cui è stato soggetto nel corso degli anni, Slowhand è riuscito sempre a rialzarsi, trovando rifugio nella sua musica; la stessa che gli ha permesso di consacrare il suo nome all’eternità. Eric Clapton viene considerato tra i principali fautori del Blues di concezione più moderna; essendo annoverato, spesso, tra le massime influenze degli artisti di spicco del panorama contemporaneo.

Il playing leggendario di Eric Clapton rappresenta la Chiave di Volta per il successo della sua opera che, ad oggi, continua ad essere delle più brillanti. Gli appassionati di musica, del resto, sono certi del fatto che la discografia di un chitarrista formidabile come Eric Clapton, rimarrà indimenticata negli echi di decine di generazioni. Slowhand ha messo la firma su alcune delle canzoni più evocative dell’ultimo cinquantennio. Da Layla a Tears In Heaven, passando per Change the World e My Father’s Eyes. Ogni brano di Eric Clapton racconta una storia diversa e, a suo modo, di elevatissima caratura lirica. Negli ultimi anni, Eric Clapton ha indetto un festival Blues di proporzioni straordinarie, chiamato Crossroads, di cui parleremo in quest’articolo.

La storia del Festival di Eric Clapton, Crossroads

Nel corso della sua straordinaria carriera, Eric Clapton ha calcato alcuni dei palchi più prestigiosi di tutto il mondo. Quello di Crossroads, però, è forse il più caro al chitarrista di Wonderful Tonight. Eric Clapton fondò il festival di Crossroads a scopo benefico. Il ricavato dei concerti da lui stesso indetti, infatti, viene puntualmente devoluto alla Crossroads Centre, una clinica di riabilitazione per tossicodipendenti, a sua volta istituita da Slowhand. I concerti che caratterizzano il festival di Crossroads, comunque, presentano una vetrina di chitarristi a dir poco formidabili. Protagonisti indiscussi del panorama musicale attuale, selezionati personalmente da Eric Clapton.

Nel 2007, Slowhand rivelò di serbare particolare rispetto nei confronti degli ospiti che accoglie sul palco di Crossroads; spiegando di reputarli i migliori musicisti sulle scene. Eric Clapton tenne il festival di Crossroads per la prima volta il 30 giugno del 1999, al Madison Square Garden di New York City. Slowhand avrebbe sfruttato l’iconica location per il medesimo evento, di nuovo, nel 2014. L’edizione successiva a quella del 1999, si tenne nel 2004 al Cotton Bowl di Dallas. Nel 2007 e nel 2010, il festival fu ospitato dal Toyota Park di Bridgeview, appena fuori Chicago. Nel 2019, lo show ritornò a Dallas, stavolta all’American Airlines Center.  Tra gli artisti che Eric Clapton ha selezionato per il festival di Crossroads, figurano alcuni nomi leggendari, tra cui quelli di Jeff Beck, Joe Bonamassa, John Mayer e Pino Daniele, unico artista italiano presente.

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)