gtag('config', 'UA-102787715-1');

Dave Grohl, ecco come il frontman dei Foo Fighters ha superato la dipendenza dal caffè

Ogni essere umano ha i suoi vizi e le sue dipendenze. O meglio, quasi ogni essere umano. Tuttavia, alcuni artisti della musica rock hanno delle fissazioni davvero particolari. Un chiaro esempio è rappresentato da Dave Grohl, l’ex batterista dei Nirvana e attuale frontman dei Foo Fighters. Scopriamo insieme qual è stata la sua dipendenza e come ha fatto superarla, preannunciandovi che si tratta di un vizio che nulla ha a che fare con droga, alcol o qualsiasi altra roba del genere. In questo modo, potrete conoscere un nuovo aspetto di una personalità tra le più genuine del rock.

Una dipendenza dal caffè dalla quale non era facile uscire

Ebbene sì, Dave Grohl proprio non poteva fare a meno di sorseggiare un buon caffè in qualsiasi momento della giornata. Un video di 10 anni fa dimostrò una sorta di ossessione patologica, ma oggi l’artista può tranquillamente scherzarci su. Infatti, si è inventato un particolare farmaco denominato Freshpotix, grazie al quale avrebbe ridotto una dipendenza vera e propria. Ecco cosa ha detto a riguardo il cantante e musicista in occasione di un video: “Circa 10 anni fa, ero alle prese con una dipendenza dal caffè davvero debilitante. Facevo molta fatica a mantenere relazioni solide e la mia situazione intestinale era seriamente a repentaglio. Stavo affrontando una paralizzante depravazione del sonno e avevo un alito orribile a causa del caffè”.

Come ha fatto Dave Grohl ad uscire da una situazione complicata

Come ha fatto Dave Grohl a superare un periodo così complicato? “La mia situazione si stava facendo sempre più dura, fino a quando non ho toccato davvero il fondo”. Quando è avvenuta la svolta grazie alla quale l’artista è riuscito ad andare ben oltre una crisi che sembrava quasi insormontabile? Molto è cambiato quando il medico di Grohl gli ha raccomandato il farmaco FreshPotix. Al suo interno, erano stati inseriti alcuni effetti davvero strani, come la pelle di scimmia grave, il Pauly Shorel’urgenza di creare una coloniaindietro indietro. Nonostante le numerose parti bizzarri, sembra che questo mix abbia davvero funzionato, seppur non in maniera completa. E oggi il cantautore non assume più caffè in quantità industriale come un tempo.

Quello scherzo a Dave Grohl per la sua dipendenza

La dipendenza da caffè era diventata un’occasione di pura goliardia per Dave Grohl. Infatti, due membri della superband dei Them Crooked Vultures, ossia Josh Homme (dei Queens of the Stone Age) e John Paul Jones (ex musicista dei Led Zeppelin), gli tesero un tranello. I due pubblicarono su YouTube un video nel quale sottolineavano la loro preoccupazione per la passione smisurata di Dave per la caffeina. Lo scherzo mise in mostra il frontman dei Foo Fighters nei suoi momenti di massima adrenalina, mentre viene ripreso dietro le quinte dei vari concerti e in diversi momenti di pausa tra un’esibizione e un’altra. Momenti davvero esilaranti.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)