gtag('config', 'UA-102787715-1');

Led Zeppelin, cosa pensa John Paul Jones di Stairway to Heaven

Stairway to Heaven viene riconosciuto da tutti o quasi come l’autentico capolavoro dei Led Zeppelin. Una canzone dallo stile così raffinato è stata in grado di segnare un’epoca ed è la più caratteristica del gruppo rock inglese. Scopriamo insieme cosa ne pensa di questo straordinario brano John Paul Jones, storico musicista del gruppo. Preannunciamo che la sua visione è totalmente differente rispetto a quella del frontman Robert Plant, che col passare degli anni si è persino stancato di eseguire una canzone così impegnativa.

Robert Plant e la scarsa stima per Stairway to Heaven

Negli anni ’70, i Led Zeppelin erano abituati a concludere i loro concerti con l’esecuzione di Stairway to Heaven. La maggior parte dei fan riteneva che questo fosse il brano più iconico della band inglese, anche più di KashmirWhole Lotta Love. Ad ogni modo, all’interno del gruppo, qualcuno non era d’accordo con questa opinione. Stiamo parlando del leader carismatico Robert Plant, che pensava che fosse proprio Kashmir il brano distintivo degli Zeppelin. Il cantautore pensava che Stairway fosse solo “una canzone ingenua” dalle caratteristiche “molto inglesi”, ritenendola persino sopravvalutata. L’opinione del flautista, bassista e tastierista John Paul Jones era molto differente. Secondo quest’ultimo, la canzone riusciva a rappresentare al meglio tutto ciò che aveva creato la band nella sua carriera. Inoltre, Jones non sapeva comprendere l’idiosincrasia di Plant verso un brano così soave.

La bellezza di Stairway to Heaven secondo Jones

“Stairway to Heaven ha tutto ciò che abbiamo sempre fatto, sembra quasi come una campionatura del meglio dei Led Zeppelin”, così ha esordito John Paul Jones in occasione di una recente intervista. “Il brano si apre con strumenti acustici, prosegue con un’atmosfera al limite del jazz con la tastiera e si concretizza in assoli di chitarra all’insegna del puro rock ‘n’ roll”, ha aggiunto il celebre musicista. Quindi, Jones si è soffermato sull’arrangiamento: “la canzone ha una dinamica molto gradevole da ascoltare, con la punta in corrispondenza della parte centrale e un notevole cambio di marcia verso quella finale. Comprende davvero tutto il meglio”. Al contempo, Jones non ha voluto soffermarsi sul testo di Stairway to Heaven, sottolineando quanto sia pressoché impossibile comprendere il suo significato fino in fondo.

Il disaccordo tra i due membri dei Led Zeppelin sulla canzone

Si può quindi parlare di un sostanziale disaccordo tra Robert PlantJohn Paul Jones sul valore intrinseco di Stairway to Heaven“Non so perché a Robert questa canzone non piaccia, – disse Jones – forse perché non gli piace il testo scritto da lui stesso. Ad ogni modo, non sono d’accordo con la sua opinione. Credo sia una canzone ottima”. Col passare degli anni, Plant avrebbe perso la voglia di riprodurre questa canzone in occasione dei suoi concerti. C’è chi ha sostenuto una tesi del genere già verso gli anni ’70, quando il cantante riteneva che Stairway fosse una sorta di “canzone di matrimonio” del suo gruppo. L’ultima volta in cui Robert Plant accettò di suonare il capolavoro dei Led Zeppelin risale ad una performance del 2007 alla O2 Arena di Londra. E potrebbe essere anche l’ultima in senso definitivo.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)