gtag('config', 'UA-102787715-1');

David Bowie, Quando Frank Sinatra ispirò una canzone del Duca Bianco

David Bowie è da anni un artista apprezzatissimo e nessuno metterebbe mai in discussione il suo grande talento. Ci sorprenderebbe, anche se è naturale, venire a conoscenza delle prime difficoltà del nostro amato Duca Bianco. Come tutti, all’inizio non ha avuto vita facile: come sappiamo il suo primo album fu un flop e anche il primo singolo. Allora, David Bowie dovette cominciare dal basso e forse è proprio questo a renderci così fieri di lui. Un uomo che ha scalato fino alla vetta, sorprendendo tutti. Non molti sanno che una delle sue canzoni più famose, Life on Mars, è ispirata a My way di Frank Sinatra. Questo è un aspetto in realtà non nuovo, se leggiamo attentamente la copertina dell’album. Vediamo come andò.

David Bowie e la demo per Frank Sinatra

Nel 1968 David Bowie non era ancora diventato la star internazionale che tutti noi amiamo. Aveva, invece, pubblicato un primo album che era stato un flop. Lavorava tra le altre cose come paroliere e gli venne chiesto di scrivere un testo per una melodia: Comme d’habitude di Claude François. Il suo lavoro culminò in Even a fool learns to love, che poi registrò con la sua voce e quindi abbiamo il piacere di ascoltare. David Bowie spiegò che odiava questo titolo.

There was a time, the laughing time
I took my heart to every party
They’d point my way
“How are you today?”
“Will you make us laugh? Chase our blues away? “
Their funny man won’t let them down
No, he’d dance and prance and be their clown
That time, the laughing time
When even a fool learns to love.

My way di Frank Sinatra

Il suo testo fu, purtroppo scartato e per la melodia si usò invece un testo di Paul Anka, non proprio il primo arrivato se ci pensiamo. Per quanto amiamo il Duca Bianco, non possiamo rinnegare l’iconica importanza di My Way non solo nella carriera di Sinatra, bensì nella storia della musica in generale. La canzone si è per così dire tinta di “rock” se pensiamo che è stata rifatta tra gli altri da Elvis Presley e Sid Vicious. Sicuramente un vero classico che ci emoziona sempre anche per il testo

Regrets, I’ve had a few
But then again, too few to mention
I did what I had to do
And saw it through without exemption
I planned each chartered course
Each careful step along the byway
But more, much more than this
I did it my way.

Nasce Life on Mars

Naturalmente David Bowie fu un po’ risentito di questo rifiuto e decise di scrivere una sua versione, dal titolo My way on Mars. Da questo nacque Life on Mars, che naturalmente si distaccò molto dalla My way di Sinatra. Tuttavia, il nostro Duca Bianco sempre corretto, ha scritto sul suo disco Inspired By Frankie. Il brano fu pubblicato nel 1973 ed è ad oggi uno dei più grandi successi del Duca Bianco.

Share

Laureata in lettere moderne e laureanda in Filologia moderna. Siciliana doc, scrittrice, ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.