gtag('config', 'UA-102787715-1');

David Bowie, scoperto il primo singolo del Duca Bianco quando aveva 16 anni

In un momento in cui milioni di persone sono costrette a rimanere a casa tra rigide misure di allontanamento sociale, stiamo emergendo alcune chicche piuttosto uniche e particolari. Dal momento che la musica dal vivo ora non è nient’altro che un lontano ricordo nelle circostanze attuali, un pizzico di nostalgia può riempire la nostra soluzione musicale e poi alcuni. In caso di necessità, è spesso molto utile, non solo durante il Covid-19, al grande David Bowie come se fosse una vera guida. Ecco è che è stato scoperto il primo singolo del Duca Bianco.

Da dove è iniziata la storia di David Bowie

Da dove è iniziata la fantastica storia dell’autore di Starman, Heroes, Space Oddity, Buddha of Suburbia, Blackstar e molto, molto, molto altro? Parte tutto da una registrazione demo piuttosto rara fatta da un David Bowie neo 16enne. L’audio, va detto piuttosto bizzarro, è stato scoperto in un vecchio cestino dopo essere stato perso per anni e moltissimi dubitavano della sua esistenza. Il nastro ce l’ha David Hadfield – l’ex batterista dei Konrads – che lo trovò proprio in un cestino del pane mentre stava eseguendo il trasloco.

La demo venduta a un alto prezzo e rifiutata dalla Decca

La  demo è stata venduta per una cifra strabiliante, ovvero di  39.360 sterline dalla celebre casa d’aste Omega Auctions nell’Inghilterra nord-occidentale. La casa d’aste ha in seguito affermato che “una frenesia di offerte” ha portato i fan di Bowie a superare la stima di 10.000 sterline da parte della casa d’aste con un certo margine. Registrato in un piccolo studio nel sud di Londra, un adolescente Bowie aveva realizzato la sua canzone “I Never Dreamed”, su nastro insieme alla sua prima band in assoluto, i Konrads. Il brano, inviato alla vicina etichetta discografica Decca per essere considerato ma alla fine fu respinto. Non era bello, a quanto pare.

La nascita del brano

Discutendo della registrazione, Hadfield ha dichiarato: “David non aveva alcuna inclinazione a diventare un cantante a questo punto, il suo cuore e la sua mente erano concentrati sul diventare un sassofonista di livello mondiale. Il nostro agente, Eric Easton, che ha anche gestito i Rolling Stones, ci ha chiesto di fare una demo in modo che potesse provare a farci un provino a Decca. Così all’inizio del 1963 ho prenotato nel piccolo studio di RG Jones a Morden. In preparazione per la demo, David e il nostro chitarrista ritmico Alan Dodds hanno scritto 2/3 canzoni. Avevamo deciso di fare un paio di strumentali per chitarra e un originale. Ho scelto I Never Dreamed in quanto era il più forte, gli altri due erano un po’ deboli”. 

David Bowie era perfetto per cantarla

Il batterista ha continuato dicendo: “Ho anche deciso che David era la persona migliore per cantarla e dare la giusta interpretazione. Quindi questa è la prima registrazione di David Jones (Bowie) che ha fatto ormai 55 anni fa. Non c’è altra registrazione della demo con David come protagonista in esistenza. Inizialmente i Decca ci hanno rifiutato, ma quando alla fine ci hanno fatto un’audizione più tardi quell’anno. Il cantante Roger Ferris era la voce principale e David ha cantato le armoniche di supporto.” Se volete ascoltare il primo singolo del Duca Bianco eccolo qui (link).

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.