gtag('config', 'UA-102787715-1');

Eddie Van Halen e quell’esibizione televisiva finita male (VIDEO)

Nel pieno della sua carriera, Eddie Van Halen si affermò come un’istituzione nel mondo della chitarra e sulla scena musicale di quegli anni. Il leggendario chitarrista accompagnò sua moglie, che in quell’occasione, sarebbe stata tra gli ospiti, al Saturday Night Live. Era il 1987 ed Eddie Van Halen non aveva affatto pianificato di apparire in televisione, finché il chitarrista della band dello show, G.E. Smith, non riuscì a convincerlo, facendogli cambiare idea. I due musicisti scrissero una canzone insieme, intitolata Stompin’ 8H che, a quanto pare, non viene ricordata in maniera particolarmente affettuosa dai fan di Van Halen. Recentemente, però, Smith ha ricordato i particolari di quell’esibizione improvvisata che, sembrerebbe non essere andata esattamente secondo i piani.

“Non voleva seguire la moglie in lungo e in largo come un cane”, ha detto Smith ironicamente, nel corso di un’intervista. Il chitarrista, si riferiva al giorno in cui, la moglie di Eddie Van Halen, l’attrice Valerie Bettinelli, venne invitata come ospite al Saturday Night Live, il 28 febbraio del 1987. “Eddie scoprì la sala dedicata ai musicisti. Era uno spazio libero in cui ognuno poteva fare ciò che voleva. Stare li era confortante per tutti. Eddie non fu da meno, si sentì immediatamente nel suo habitat naturale, in mezzo ad altri musicisti come lui”.

  “All’epoca – ha aggiunto Smith – lo show era nel pieno della rinascita. I produttori erano particolarmente felici che io potessi attingere alle mie fonti per invitare ospiti interessanti a prendere parte allo spettacolo. Per giunta, il programma andava in onda dal vivo, destando un alto livello d’interesse negli spettatori. Così, anche i musicisti più alla ribalta in quegli anni furono travolti dalla febbre da Saturday Night Live.

La storia della canzone scritta insieme a Eddie Van Halen

Come detto, il titolo del brano è Stompin’ 8H. Questo, si riferiva allo Studio 8H, per l’appunto, sito al numero 30 di Rockefeller Plaza, a New York. Si tratta del luogo in cui, sin dalla sua creazione, si è tenuto il Saturday Night Live. Smith, ha spiegato che, il brano, si basasse su un piccolo giro di chitarra scritto da Eddie Van Halen. Il chitarrista, poi, provvedette ad aggiungere un’altra sezione, mentre il direttore artistico Lenny Pickett arrangiò la parte per corni presente nella canzone

Il chitarrista di casa al SNL ha aggiunto che c’erano due esibizioni alla settimana. Una in prova e un’altra direttamente dal vivo. Smith ha spiegato che, durante le prove, Eddie Van Halen fosse stato formidabile, ammaliando tutti i presenti, mentre, sebbene avesse mantenuto gli standard qualitativi altissimi, il leggendario chitarrista avesse mancato alcuni passaggi importantissimi nella sezione più complicata, scritta da lui. “Nessuno l’avrebbe mai ricordato, eppure lui si arrabbiò tantissimo. Non poteva sopportare di aver sbagliato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)