gtag('config', 'UA-102787715-1');

Eddie Van Halen, i segreti della sua Frankestrat

La Frankenstrat è la famosissima chitarra creata da Eddie Van Halen. Ma quali sono i segreti della sua Frankestrat? Non c’è dubbio nel definire questo strumento musicale come uno dei più famosi strumenti della storia del rock n’roll. Potete capire fin da subito, o almeno intuire, le origini del nome di questa chitarra. Si tratta di una crasi, ovvero un unione di parole, tra Frankenstein, il celebre creatore e protagonista del romanzo omonimo di Mary Shelley, insieme a che altro? Beh, lo avrete sicuramente capito da soli. Frankenstein si unisce alla Stratocaster, la celeberrima chitarra molto amata da Eddie Van Halen e da lui suonata nei primi anni di carriera.

Gibson ES + Stratocaster

Il nostro amato e compianto chitarrista però amava anche la Gibson e non solamente la Fender Stratocaster. Ciò che desiderava davvero Eddie Van Halen era quello di tenere le caratteristiche estetiche di una Stratocaster, che lui amava alla follia, unendo però il sound Gibson. Il chitarrista in particolar modo era particolarmente attratto dal mood più ciccione e robusto del sound Gibson ma la forma non era la sua preferita. Decise quindi di considerare un body solido di una Stratocaster ma di cambiare totalmente il sound. Inserì dei tipici pickup e humbucker dal classico suono Gibson e fuse così insieme il tutto. Si trattava di uun vero e propri pezzo unico e che poi venne prodotta in serie moltissimi anni dopo.

Lo splendido colore

Van Halen partì tutto con una tastiera e un manico in acero unendo anche delle finiture metalliche. Con il tempo decise di colorarla in varie maniere ma non sapeva all’inizio quali fossero i giusti colori. Decise quindi di trasformare la chitarra ancora una volta e la colorò di rosso unendo varie tonalità. L’unione poi di alcune finiture bianche e nere fece il resto e ne uscì quindi un grandissimo strumento esteticamente unico e davvero particolare. Chissà quanti giovani chitarristi rock hanno iniziato a suonare la chitarra comprando una replica di questo strumento. Sicuramente non sono pochissimo.

Da Stratocaster a…

Ma quali sono gli altri segreti della sua Frankestrat? Pensate che Van Halen si costruì la sua chitarra da sola comprando un corpo della chitarra e un manico della Boogie Bodies a un prezzo davvero ridicolo. Spese infatti una cifra che si aggirava circa sugli 80 dollari e dopo aver comprato i pickup e dato qualche colore alla chitarra uscì la sua vera Frankestrat. All’inizio Eddie Van Halen ci aveva messo dei pick-up singlecoil i quali davano un sound tipicamente Stratocasteriano ma non era molto contento della resa sonora.

Carpentiere

Van Halen voleva un sound che si avvicinasse molto alla Gibson ES-335 che lui usava in passato. La Gibson ES-335 aveva però un sound troppo aggressivo e troppo pesante. Serviva quindi una via di mezzo e decise quindi di prendere il body della sua nuova chitarra e metterci dei pick-up della Gibson, gli humbucker. Ovviamente all’inizio visivamente sembrava un vero e proprio pugno in un occhio, ma questo poco importava. Era molto più importante il sound dell’apparenza. tutto ciò gli diede sicuramente ragione perché ne uscì uno strumento validissimo.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.