gtag('config', 'UA-102787715-1');

Eddie Van Halen, il chitarrista aveva l’orecchio assoluto?

Eddie Van Halen aveva l’orecchio assoluto per davvero? È abbastanza difficile rispondere a questa domanda dal momento che non si sa con precisione se avesse l’orecchio assoluto o no. Sicuramente Eddie era bravissimo a suonare e utilizzare le dita in maniera eccezionale dal punto di vista musicale e aveva, senza ombra di dubbio, un senso dell’udito veramente molto acuto. Pensate che c’è un aneddoto molto particolare che riguarda l’amicizia tra Eddie Van HalenHartley Peavey, fondatore e CEO della società di ingranaggi omonima. Andiamo a recuperare questa storia insieme.

L’orecchio assoluto di Eddie Van Halen

Si tratta di un aneddoto che testimonia, forse, che Eddie Van Halen aveva l’orecchio assoluto. I due personaggi inn questione, grandi amici, stavano lavorando su un cabinet per chitarra insieme e Eddie Van Halen aveva una richiesta molto precisa. Voleva che questo cabinet fosse interamente fatto con legno di betulla del Mar Baltico e non voleva sentire ragioni di una alternativa. Decise persino di smontare il prototipo per verificare se fosse veramente legno di betulla oppure no. Eddie sfidò l’amico dicendogli che aveva scoperto l’inganno e le sue richieste non erano state assolutamente rispettate in toto.

La sensibilità uditiva di Eddie Van Halen

Eddie Van Halen noto che c’erano dei piccoli blocchi di compensato che non andavano bene per niente. Hartley Peavey rispose dicendo che aveva messo questi blocchi per aumentare il prezzo e che non avrebbe assolutamente compromesso il sound e il tono. Eddie Van Halen così decise di controllare di persona bussando sui legni in modo da capire chiaramente quale di questi era fatto interamente di legno di betulla o no. Aveva davanti 16 prototipi e capì subito la differenza. Ovviamente questo non si tratta di un modo per capire se ha davvero l’orecchio assoluto oppure no, ma è certamente sintomo di sensibilità uditiva pazzesca.

Cos’è l’orecchio assoluto?

La capacità di avere l’orecchio assoluto è la capacità di capire immediatamente se se una nota è fuori tono anche di un microtono, neanche di un semitono. Pare che Eddie Van Halen avesse questa grandissima qualità e anche altri musicisti e cantanti famosi avevano questa grande qualità, uno fra tutti Michael Jackson. Si tratta di una sensibilità incredibilmente bella e particolare. Secondo alcune statistiche, solo 1 persona su 10mila avrebbe questa capacità, anche se i dati non sono ancora completi. Spesso però l’orecchio assoluto viene confuso e assimilato mentalmente alla sinestesia che vi spieghiamo qui in seguito.

Eddie Van Halen e la sinestesia

Secondo alcuni critici, Eddie Van Halen “soffriva”, tra molte virgolette perché non è una malattia vera e propria, di sinestesia. Si tratta di un fenomeno percettivo in cui più sensi si fondono insieme, letteralmente, attraverso connessioni extra nel cervello. È un disturbo in cui se un senso specifico viene stimolato viene stimolato anche ili resto degli altri sensi. Ciò, soprattutto nel mondo artistico e musicale, può dare vita a combinazioni mentali incredibili e veramente innovative. Pare che Eddie Van Halen avesse 3 sensi collegamenti insieme, ma non è mai stato davvero confermato. Lui non lo ha mai detto…

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.