16 January, 2021, 19:49

Eddie Vedder e la depressione che accompagna una rockstar: “la musica mi ha salvato”

La depressione è, purtroppo, una malattia che può colpire ognuno di noi, perfino le grandi star del cinema e della musica o i nostri idoli. Eddie Vedder ad esempio, ha recentemente raccontato la sua esperienza adolescenziale con la depressione: un male da cui è sempre difficile separarsi. Chi soffre di depressione lo sa: arriva all’improvviso e non sai quando andrà via. Puoi combatterla, scacciarla, ma sai che prima o poi potrebbe tornare.

Eddie Vedder e la depressione che accompagna una rockstar: “la musica mi ha salvato”

Eddie Vedder, storico frontman dei Pearl Jam, è una delle tantissime star che ha dovuto fare i conti con la depressione. Di situazioni delicate e complesse il cantante di Evanston ne ha vissute parecchie, ma -stando al suo racconto- il periodo legato alla depressione è stato uno dei più brutti della sua vita. Edward Louis Severson III -questo il vero nome di Eddie Vedder- in una recente intervista per Rolling Stone, si è soffermato proprio su questo aspetto, raccontando la sua infanzia e i momenti legati alla depressione. Nel suo caso -come egli stesso spiega- l’unica ancora di salvezza è stata la musica:

“Per molte persone la musica è tutto e, naturalmente, vale anche per me. In realtà questo lo sapevo ancor prima di iniziare a suonare uno strumento. Quando ero piccolo ho parlato con alcune persone a proposito dei problemi psicologici e, ogni risposta che ricevevo, era triste e cupa. Ogni singola risposta era collegata alla depressione. Alla fine l’unica vera ancora di salvezza è stata la musica: non me l’aspettavo, ma mi ha aiutato molto a superare quella cosa. La mia band mi ha aiutato molto, così come tantissime altre.”

Il potere terapeutico della musica

Il tema trattato da Vedder, in realtà, è nato per una giusta causa: raccogliere quanti più fondi possibili per l’associazione ‘Levenson Fustercluck‘ che si occupa di aiutare le persone che lavorano nell’industria musicale e che hanno perso il lavoro a causa del Coronavirus.

La cosa curiosa e interessante è che anche la musica composta dallo stesso frontman dei Pearl Jam è stata d’aiuto per tantissime persone con lo stesso problema: “Mi è capitato spesso di ricevere ringraziamenti da parte delle persone, del tipo: “la tua musica mi ha aiutato ad uscire dai momenti difficili”, si sentono quasi obbligati a dirmelo”.

Eddie Vedder, in realtà, sin da ragazzino ha sempre creduto nel potere terapeutico della musica: allo stesso tempo, però, sa benissimo che non può e non deve essere il solo ed unico strumento per combattere quel brutto male chiamato ‘depressione‘.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)