gtag('config', 'UA-102787715-1');

Elton John e quel ricordo su Freddie Mercury: “Ho pianto come un bambino”

Ormai è cosa risaputa che, per quanto sul palco Freddie Mercury fosse un performer brillante e trascinante, nella vita privata amasse circondarsi di poche – fidate – persone. Il cantante dei Queen aveva un ristretto circolo di affetti e amici più cari, gli stessi che lo accudirono al suo capezzale fino agli ultimi momenti di vita. Mary Austin e Jim Hutton ovviamente – i due amori più importanti di Mercury – ma anche l’autista, l’assistente personale Peter Freestone e il cantautore britannico Elton John. Quest ultimo, in particolare, condivise con il frontman un rapporto stabile e profondo.

QUEEN, LA RISERVATEZZA DEL CANTANTE FREDDIE MERCURY

Freddie Mercury è passato alla storia come lo strabiliante e leggendario cantante dei Queen. Il performer energico, capace di trascinare milioni di persone, con la sola forza della sua voce e del suo carisma. Ma, per quanto sul palco il pubblico fosse abituato a vedere quel personaggio, nella vita privata Mercury fu sempre molto riservato. La dimostrazione la si può trovare nel fatto che, fino al giorno prima della sua morte, avesse confidato a pochissime persone della sua malattia: l’AIDS.

L’autore di Bohemian Rhapsody aveva ricevuto la terribile diagnosi nel 1987. Ma riuscì a mantenere il segreto fino alla fine, mettendo a parte delle sue condizione solo le poche persone del suo ristretto circolo di affetti. Tra questi anche Elton John, caro amico e confidente di Freddie Mercury.

ELTON JOHN, I RICORDI DI FREDDIE MERCURY NELL’AUTOBIOGRAFIA

Elton John e Freddie Mercury hanno condiviso, per anni, un bellissimo rapporto di amicizia, basato sul rispetto e la fiducia reciproca. Tanto che il cantautore britannico, era uno dei pochi a sapere delle reali condizioni del cantante dei Queen. Nella sua autobiografia – dal titolo Love is the Cure: On Life, Loss and end of Aids – John ha raccontato alcune storie su Freddie Mercury e l’inaspettato gesto che lo ha fatto piangere come un bambino.

“Sapeva che la morte, una morte atroce, stava per arrivare – si legge nel libro di John, a proposito dell’ultimo periodo di vita di Freddie Mercury […] ma continuava ad esibirsi, continuava ad essere la persona divertente, oltraggiosa, profondamente generosa che era sempre stata” conclude il cantante britannico sull’amico.

FREDDIE MERCURY, IL COMMOVENTE GESTO FATTO PER ELTON JOHN

Elton John è stato uno dei pochi, fidati amici, a rimanere al capezzale di Freddie Mercury fino alla fine. Fino a quando, quel 24 Novembre del 1991, il cantante dei Queen si spense a causa di una broncopolmonite aggravata dall’AIDS. “Mi ha spezzato il cuore vedere la luce che portava nel mondo spegnersi sotto l’effetto della malattia – si legge nel libro di John – era quasi cieco e così debole che riusciva a stento a stare in piedi”. Eppure, anche nella fase più acuta del suo male e quasi alla fine dei suoi giorni, Mercury riuscì a fare una cosa emozionante per il suo amico, Elton John. Un gesto commovente, che portò alla lacrime il cantante.

Poco prima di morire, il frontman dei Queen dispose che – il giorno di Natale – al cantante fosse recapitato un dono molto speciale. E il 25 Dicembre 1991 – a quasi un mese esatto dalla sua morte – Elton John ricevette un dipinto del suo pittore preferito, Henry Scott Tuke. “Ero sopraffatto – ricorda l’uomo a riguardo – […] ho pianto come un bambino. […] Per quanto triste possa essere, questa è una delle prime cose che ricordo quando penso a lui perché descrive perfettamente che tipo di persona fosse. Anche da morto, mi ha ricordato quanto fosse speciale in vita”. 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.