gtag('config', 'UA-102787715-1');

Elton John: Il meraviglioso ricordo di Freddie Mercury al Live Aid

La profonda amicizia che legava Elton John ed il leggendario leader dei Queen, Freddie Mercury, si rivelò indissolubile. Un legame straordinariamente sincero, capace di resistere a concetti esistenziali inesorabili come il tempo e la morte. Elton John ha condiviso, in diverse occasioni, dolci ricordi, madidi di nostalgia, che lo vedevano protagonista insieme a Freddie Mercury. Non molto tempo fa, John ha ricordato delle frecciatine che si scambiò con il leader dei Queen subito dopo le loro rispettive performance all’iconico Live Aid del 1985.

Elton ha condiviso quello che, per lui, rimane uno dei suoi ricordi più preziosi con Freddie nel corso di un’intervista rilasciata per promuovere l’uscita del suo libro autobiografico, intitolato Me. In quell’occasione, Elton John venne intervistato da Peter Sands, direttore esecutivo del Fondo Globale per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria, per il Guardian.

In merito a Freddie Mercury, Elton John ha detto: “Il backstage del Live Aid consisteva in un’area enorme, interamente decorata a festa. Mi assicurai che ci fosse il giusto numero di posti a sedere per tutti, in modo che i musicisti potessero riposare dopo aver suonato. Freddie irruppe dietro le quindi subito dopo aver rubato la scena a tutti con i Queen. Gli dissi che nessuno avrebbe avuto il coraggio di esibirsi dopo di lui e lui mi rispose con la sua solita spavalderia dicendo che avessi ragione e che avesse sbaragliato il pubblico. Era eccitatissimo.

La risposta di Freddie Mercury ad Elton John

Andando avanti con il colloquio, Elton John ha rivelato al mondo, ancora una volta, i tratti più sagaci con cui, Freddie Mercury, lo conquistò anni addietro; consacrando il suo nome e quello dei Queen all’eternità. Nel dettaglio, John ha ricordato: “Freddie mi rispose dicendomi che la mia esibizione fosse stata tanto terribile quanto il mio cappello. Quello era il suo lato più carismatico, quello era il vero Freddie Mercury. La straordinaria ironia con cui affrontò la vita, non lo abbandonò neanche in punto di morte. Ricordo che andai a trovarlo durante uno dei suoi ultimi giorni e che mi chiese se avessi ascoltato l’ultimo album di Bowie e se avesse idea di cosa stesse facendo”.

Durante la stessa intervista, il nome di Freddie Mercury è venuto fuori ancora una volta quando la star del tennis, Billie Kean King ha chiesto ad Elton John se avesse avuto intenzione di scrivere un nuovo inno sportivo. Il famoso atleta ha sempre pensato che We Will Rock You e We Are The Champions fossero un simbolo di sportività; Elton John si è limitato a confermare la sua tesi. Il cantante ha spiegato che brani dal fortissimo simbolismo come We Are The Champions non possono essere spodestati e che, in ogni caso, lui non avesse in programma di tentare.

 

 

 

 

 

 
 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)