Elvis Presley è ancora vivo? Le parole di Billy Smith

Sono passati oltre quarant’anni dalla tragica morte di Elvis Presley. Nonostante l’inesorabilità del tempo, la vicenda continua a destare inquietudine e rimorso nel cuore dei milioni di fan del Re del Rock intorno al mondo; tanto da aver alimentato, nel corso dei decenni, le più disparate teorie sulla cospirazione.

Quando un volto noto, o in questo caso, una vera e propria leggenda, lascia le proprie spoglie mortali in balia delle speculazioni e delle iniquità del mondo terreno, vien da sé che la nostalgia e il sentimento di mancanza comincino a giocare brutti scherzi sugli appassionati.

Secondo molte persone, Elvis Presley sarebbe ancora vivo e, alla veneranda età di 85 anni, continuerebbe a vivere con assoluta disinvoltura la sua lunghissima “latitanza”. In ogni caso, una delle teorie più accreditate dietro la scomparsa del Re del Rock, lo vedrebbero nei panni di un suo sosia che, Elvis, avrebbe rimpiazzato; essendo, questi, terribilmente malato.

Le parole del cugino di Elvis Presley, membro della Memphis Mafia, Billy Smith; aprirebbero nuovi spiragli su una congettura fin adesso, considerata relativamente assurda. Sembrerebbe, infatti, che nel corso di una conversazione tra Smith e suo cugino, il King avrebbe rivelato di poter essere in più posti contemporaneamente servendosi di una “controfigura”.

Billy Smith: “Elvis Presley potrebbe aver rimpiazzato il suo sosia”

Di recente, è apparso sul canale Youtube di Danny Smith, figlio di Billy, un video in cui suo padre rivelerebbe il suo punto di vista riguardo la morte di Elvis Presley. “Tutto è cominciato una sera, quando Elvis mi ha mostrato una sua foto chiedendomi se, secondo la mia opinione, si trattasse di lui o meno. Ovviamente risposi di si e lui aggiunse repentinamente che in foto, fosse raffigurata una persona che, per diventare identica a lui, si era sottoposta ad un’operazione di chirurgia facciale.

Billy ha continuato dicendo: “Così gli ho risposto dicendo che, in questo modo, avrebbe potuto ‘truffare’ molte persone. Alla fine, mi mostrai comunque titubante, non riuscivo a credere che non si trattasse di lui. Quindi, lui mi rispose che avrebbe potuto godere del dono dell’ubiquità e che, sicuramente, avrebbe potuto cambiare il posto nel quale si trovava senza che nessuno potesse accorgersi delle differenze. Ho continuato a titubare – rilancia Smith – ero convinto che quella foto ritraesse Elvis Presley, non una copia. Non ho mai più pensato a questa nostra conversazione fino al giorno della sua morte.

La verità sulla storia di Smith

Successivamente, il membro della Memphis Mafia ha rivelato in che modo, la stampa inglese, abbia frainteso uno scherzo riguardo l’ubiquità di Elvis Presley.  Billy ha ammesso di aver costruito una storia a tavolino con gli altri membri della Memphis Mafia riguardo il fatto che il Re del Rock fosse ancora vivo, viste le speranze che i fan riponevano nel leggendario musicista.

Così, nel corso di un’intervista, Billy Smith confessò la storia del sosia di Elvis, rivelando inoltre che, secondo lui, il Re del Rock l’avrebbe tenuto rinchiuso in un attico fino alla sua morte. La stampa prese molto seriamente la storia, tanto da marciarvi sopra per molti anni; almeno fino ad oggi. In video, Billy Smith ha finalmente ammesso di aver sofferto molto il giorno della morte di Elvis, il 16 agosto del 1977. “Posso sinceramente dire che, Elvis, è ormai passato a miglior vita e nessuna storia potrà mai riportarlo in vita. Fa male. Il fatto che sia andato via fa ancora male. Ma lo amerò per sempre. Era il mio eroe.

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)