gtag('config', 'UA-102787715-1');

Elvis Presley: che lavoro faceva il re del rock and roll prima di diventare famoso?

Quando pensiamo ad alcune star della musica mondiale le prime cose che ci vengono in mente sono il successo, la fama e il riscontro economico che ne consegue. Si, ma prima che diventassero elementi di spicco della musica mondiale, questi artisti hanno dovuto sudare e lavorare sodo, molto spesso impegnandosi in lavori che c’entravano poco o nulla con la musica. L’ascesa verso il successo, in ogni caso, non è mai semplice e priva di peripezie. Oggi in particolar modo vogliamo analizzare la carriera di Elvis Presley, cercando di capire insieme a voi di cosa si occupasse il re del rock and roll prima di diventare famoso.

La difficile infanzia e i ‘favolosi anni cinquanta’

Oggi le parole Elvis e Presley sono collegate inevitabilmente al mondo della musica e, in particolar modo, al rock. Definire Elvis Aaron Presley solo come un cantante rock, potrebbe però rivelarsi un errore fatale. Il re del rock and roll era anche un grandissimo ballerino ed un discreto attore.

L’iconica voce di “Suspicious Mind” -in appena 24 anni di carriera– ha esercitato un’influenza non indifferente sulla cultura americana e mondiale. Questo, naturalmente, è anche merito della sua voce, della sua presenza scenica e del suo infinito carisma. Prima di diventare la star che noi tutti abbiamo imparato a conoscere ed amare, Elvis Presley era un lavoratore come tanti.

Anzi, a dirla tutta la famiglia Presley versava in condizioni economiche a dir poco precarie e, l’infanzia del piccolo Elvis, fu segnata dalla povertà e dal disagio. Nonostante ciò il cantante di Tupelo non ha mai rinnegato le sue origini e anzi, durante le interviste, molto spesso ne faceva menzione. Durante la sua adolescenza, poi, a causa dei continui spostamenti della famiglia, Elvis difficilmente riuscì a legare con qualcuno e, mentre i ragazzi dell’epoca erano soliti sfoggiare capelli corti ed un look sobrio, egli lasciava crescere i suoi capelli a dismisura e poi li raccoglieva -con l’aiuto della brillantina- in un unico, vistoso, ciuffo. E, nonostante inizialmente tale look fosse considerato atipico e assolutamente non alla moda, col tempo venne adottato da quasi tutti i suoi coetanei e divenne uno dei simboli dei cosiddetti ‘favolosi anni cinquanta’.

Elvis Presley: che lavoro faceva il re del rock and roll prima di diventare famoso?

Tornando a noi e alla vita di Elvis Presley, sappiamo che il re del rock and roll prima che diventasse la star che noi tutti conosciamo, nonché una vera e propria icona culturale, era un lavoratore come tanti. Quando era solo un ragazzino, infatti, insieme ad alcuni suoi amici si guadagnava da vivere falciando i prati per pochi dollari a yard. Poco dopo, nel 1950 all’incirca, Elvis Presley accettò un lavoro come maschera al Loew’s State Theater a Memphis.

Un anno dopo, invece, il re del rock and roll lavorò per qualche tempo come camionista, prima di tornare a lavorare al Loew’s State Theater (per poi essere licenziato a causa di una rissa con un collega). Elvis Presley, però, non si è mai arreso, cambiando una moltitudine di lavori: assemblatore in un mobilificio, dipendente in un’azienda e poi in un ufficio di collocamento. Tutto ciò, naturalmente, molto prima di diventare una vera e propria leggenda della musica mondiale.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)