gtag('config', 'UA-102787715-1');

Elvis Presley: la Elvis Week in suo onore sarà online

Ogni artista quando lascia questo mondo ci consegna una eredità, che siano sculture, poemi, dipinti, o come in questo caso canzoni. Stiamo infatti parlando di uno dei cantanti che probabilmente ha consegnato ai posteri una delle eredità più grandi: Elvis Presley. Lo statunitense nato nel 1935 a Tupelo, Mississippi, non era solo il re del rock’n’roll, nome con cui universalmente è conosciuto, ma ha esplorato innumerevoli generi: country, blues, pop, R&B, funk, gospel, incidendo nella sua carriera più di 600 brani!

Elvis continua a vendere milioni di dichi ogni anni ( è l’artista solista con più vendite nella storia, più di un miliardo di dichi venduti), ed il centro nevralgico attorno al quale ruota tutto ciò che ha a che fare con lui è senza dubbio Graceland.

Elvis Presley: la sua casa Graceland

Graceland è stata la casa di Elvis Presley per vent’anni, quando la acquistò nel 1957. Dal 1982 è stata aperta al pubblico, diventando negli anni un complesso enorme, un museo che, oltre alla villa in sé, mette in esposizione anche gli oggetti, gli abiti di scena, le automobili ed addirittura i due aerei privati del cantante. Proprio a Graceland ogni anno dal 1978, Elvis morì nel 1977, viene organizzata la notte tra il 15 ed il 16 Agosto, l’ultima notte del re del rock’n’roll, una candelata commemorativa in onore di Presley, che coinvolge migliaia di persone.

Nel 2017, il quarantennale della morte, erano presenti in Elvis Presley Boulevard, più di cinquantamila persone. In aggiunta, dal 2002, i venticinque anni dalla morte, viene organizzata proprio nella settimana del 16 Agosto la cosiddetta Elvis Week.

La Elvis Week

L’Elvis Week è per l’appunto una settimana di eventi che coinvolgono non solo Graceland, ma tutta la città di Memphis, con eventi di varia natura: concerti, conferenze, esposizioni, farmacopee e si conclude con la sopracitata candelata. Essendo, come già è stato detto, un evento che attira migliaia di persone da ogni parte del globo, quest’anno è stata annullata, per evitare assembramenti e problematiche varie che potrebbero essere causate a causa del corona virus.

Son stati fatti tentativi e sforzi organizzativi per poter tentare comunque di ospitare tutti gli appassionati di Elvis Presley, ma non è stato possibile. Per questo è stata presa una decisione che sfrutta le possibilità tecnologiche che hanno reso anche la nostra quarantena un po’ meno pesante, permettendoci di restare comunque in contatto con i nostri cari.

Elvis Presley: La Elvis Week 2020 sarà online

La Elvis Week 2020 sarà infatti la prima della storia ad essere organizzata online, date le situazioni di difficoltà. Per permettere a tutti di seguire comunque le esibizioni e le conferenze che erano state annunciate, queste saranno trasmesse via streaming, così che gli interessano potranno comunque assistervi dalle proprie case.

A creare tra alcuni fans un po’ di polemica è stata la scelta di far pagare questo servizio 36 dollari. In realtà è una scelta inevitabile, dato che in questi mesi di quarantena le perdite devono essere state molte anche per la Elvis Presley Enterprise, che gestisce Graceland. Comunque sia è già stato annunciato che per il 2021 sarà organizzata una Elvis Week ancora più in grande, per bilanciare questa edizione sfortunata.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com