26 January, 2021, 02:16

Elvis Presley, la sua morte non sarebbe dovuta alla droga

Elvis Presley è morto all’età di soli 42 anni dopo un arresto cardiaco, all’interno della sua abitazione di Graceland. La versione ufficiale parla di un decesso dovuto all’abuso di droghe e farmaci, ma ora spunta un’altra ipotesi a riguardo. La fornisce la scrittrice Sally A. Hoedel, storica sua fan da sempre e autrice del libro Elvis: Destined To Die. Vediamo cosa ha da dire a riguardo.

Un mix che non sarebbe stato letale per Elvis Presley

Secondo Sally, il Re del Rock and Roll avrebbe sì abusato di farmaci regolarmente prescritto, ma lo hanno fatto anche numerose altre rock star ancora vive. Tuttavia, Presley non assumeva eroina e altre droghe pesanti, oltre ad essere contrario a fumo e alcol in quantità eccessive. In realtà, l’obiettivo dell’artista era quello di trovare un sistema per mantenere il suo frenetico stile di vita, senza alcun desiderio di sfuggire alla propria realtà. “Era un ragazzo che voleva sempre cercare di funzionare nella sua vita, per continuare ad essere sempre Elvis. Molti lo considerano come un uomo con una storia di autodistruzione, io vedo la storia di una lotta per la sopravvivenza”, riferisce la scrittrice.

La malattia pregressa del Re del Rock

Sally A. Hoedel ha scritto quel libro allo scopo di rendere Elvis Presley molto più umano rispetto alla sua immagine. Lei sostiene che, in realtà, l’artista era già malato fin da giovanissimo. “Mi sono sempre chiesta perché si sia sempre rivolto a farmaci da prescrizione e perché sia morto ad un’età simile e in circostanze simili rispetto alla madre Gladys. A tutto questo, aggiungo che poteva avere malattie geriatriche molto precoci come il glaucoma, il diabete, l’artrite e altre cose del genere. Ho scelto di indagare a fondo sulla questione, scoprendo anche che i suoi nonni materni erano in realtà cugini di primo grado”.

I problemi portati avanti fin dall’infanzia

Mentre approfondiva la storia della salute di Elvis Presley, Sally si rese conto che non aveva nulla da teorizzare. “Posso dimostrare che i disturbi che aveva erano presenti prima della sua fama. Di conseguenza, so che l’overdose di farmaci non ha causato in maniera diretta la sua morte. Elvis ha dovuto affrontare simili problemi per tutta la vita, fin dall’infanzia”, ha aggiunto la scrittrice. Sally ha confermato che la stitichezza era un problema di Presley anche quando era bambino e mamma Gladys aveva dovuto aiutarlo in questo senso.

Elvis Presley e una morte dovuta a fattori genetici

Sally A. Hoedel ha anche aggiunto quando la morte del grande Elvis Presley sia da attribuire a puri fattori genetici. Infatti, l’artista aveva un deficit di alfa 1 antitripsina, una sostanza che non può causare la cirrosi epatica. Il decesso sarebbe quindi dovuto a problemi pregressi della madre Gladys, scomparsa a soli 46 anni. Inoltre, la nonna di Elvis rimase a letto per 30 anni per una malattia che sembrava fosse la tubercolosi. Tuttavia, una malattia così contagiosa non era stata contratta da nessun altro membro della famiglia. Infine, tra gli anni ’40 e ’50, tre zii del cantante sono morti per problemi al cuore, ai reni e al fegato.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)