gtag('config', 'UA-102787715-1');

Eric Clapton: quella volta che Slowhand rimase sconvolto da un’esibizione di Jimi Hendrix

Quella tra Eric Clapton e Jimi Hendrix è stata una grande amicizia, come testimoniano le esibizioni e jam session che i due hanno tenuto insieme nel corso della loro carriera. Addirittura, secondo un racconto che è stato confermato dallo stesso Slowhand, Eric Clapton decise di regalare una chitarra particolare al suo amico statunitense, nel giorno stesso in cui questi trovo la tragica morte all’età di 27 anni. Eppure, inizialmente, tra i due ci fu una sana rivalità dettata dalle grandissimi capacità artistiche che Jimi Hendrix mostrò in occasione del suo primo e vero concerto. Quando Eric Clapton era già leader dei Cream, infatti, ebbe modo di esibirsi con il chitarrista statunitense, appurando tutte le sue enormi capacità e il suo incredibile talento. Vogliamo parlarvi di quel primo incontro e di quella esibizione di Jimi Hendrix che sconvolse incredibilmente Eric Clapton, che ha rilasciato anche delle importanti dichiarazioni a riguardo.

Le dichiarazioni di Eric Clapton sul concerto di Jimi Hendrix

A proposito di quell’incredibile incontro che ha visto Jimi Hendrix protagonista di un’esibizione di grande livello, sia Eric Clapton che alcuni giornalisti del tempo hanno avuto modo di esprimersi, e di parlare non soltanto della magistrale esibizione di Jimi Hendrix, ma anche e soprattutto di quelle sensazioni provate da Slowhand. Di sicuro, il rapporto tra i due artisti è diventato – successivamente – incredibilmente importante, tanto che i due hanno stretto un rapporto di amicizia molto edificante. Tuttavia, in un primo momento Jimi Hendrix fu in grado di sconvolgere Eric Clapton, che ha parlato delle sensazioni provate in una sua intervista.

Ecco quali sono state le dichiarazioni a riguardo: “Siamo saliti sul palco e Chas Chandler dice ‘Ho questo amico che amerebbe fare una jam con te.’ Era divertente, a quei tempi chiunque poteva confrontarsi con chiunque se eri abbastanza convincente da poter suonare. Si alzò e fece impazzire tutti. Ho solo pensato “ah, qualcuno che suona le cose che amo, sul palco con me.” In realtà ho avuto il privilegio di essere (sul palco con lui) … è qualcosa che nessuno batterà mai; quell’incidente, quella notte, è storico e fisso nella mia mente, ma solo poche persone che sono vive che lo ricorderebbero”.

Tra queste c’è Keith Altham del The Guardianche ha affermato in merito all’incontro: “Chandler mentre andava nel backstage dopo che Clapton se n’era andato a metà della canzone affermava ‘che non aveva ancora imparato da solo’; Clapton stava fumando furiosamente una sigaretta e diceva a Chas: “Non mi hai mai detto che era così fottutamente bravo”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.