gtag('config', 'UA-102787715-1');

Fender, 2020 anno d’oro per l’azienda: mai vendute così tante chitarre in un anno

La Fender Musical Instruments Corporation, meglio nota semplicemente come Fender, è tra i maggiori produttori al mondo di chitarre, bassi elettrici, piano elettrici ed amplificatori. Fondata nel 1946 da Leo Fender, l’azienda ricopre ancora oggi un ruolo fondamentale tra gli appassionati di musica e, in questo 2020, ha registrato numeri da record.

2020: un anno da record per la Fender

In questo 2020, nonostante il mercato abbia subito uno scossone non indifferente a causa del Coronavirus, la Fender è riuscita a stabilire un record non indifferente. L’azienda statunitense, infatti, nel 2020 ha venduto più chitarre di qualsiasi altro anno della sua storia. Questo, strano ma vero, è ‘merito’ anche e soprattutto del Coronavirus: il boom registrato quest’anno è dovuto infatti ad una vasta gamma di persone che, per cercare di allontanare l’ansia da pandemia e da lockdown, hanno scelto di impugnare una chitarra. Qualcuno, poi, ha addirittura parlato di ‘terapia a sei corde‘.

Questi nuovi consumatori non solo hanno permesso all’azienda di stabilire un nuovo record personale, ma hanno anche completamente ribaltato la teoria di chi, negli ultimi anni, ha parlato di una ‘lenta morte della chitarra elettrica‘. Insomma, questi ‘nuovi eroi della chitarra’ hanno completamente sconvolto il mercato delle sei corde, aiutando -inconsapevolmente- la Fender a stabilire un nuovo record personale di vendite.

I motivi dell’impennata

L’amministratore delegato della Fender, Andy Mooney, ha dichiarato in merito:

“Abbiamo battuto così tanti record, ma questo sarà il più grande anno di sempre. Non avrei mai pensato che saremmo arrivati fin qui se me lo avessero chiesto agli inizi di marzo.”

Ad inizio pandemia la Fender, così come tantissime altre aziende, si è vista infatti costretta ad interrompere le vendite e, considerando anche il ‘famoso’ declino del mercato delle chitarre di cui sopra, questo ha rappresentato un problema non indifferente per l’azienda. Nonostante tutto la Fender ha avuto la forza di riprendersi e, secondo quanto scritto dal NY Times, le vendite delle sei corde hanno subito un vero e proprio boom nell’ultimo anno, questo anche grazie a tantissimi giovani adulti e adolescenti -molti dei quali donne– che si sono avvicinati alla chitarra, ponendo il proprio timbro generazionale su uno strumento che, da anni ormai, affascina milioni di persone.

E, a proposito della frammentazione del mercato, Mooney ha spiegato: “circa il 45% delle chitarre vendute ogni anno sono destinate ai chitarristi alle prime armi e, la metà di questi, sono donne.”

L’unica cosa che resta da vedere è se questo boom continuerà anche dopo l’emergenza globale. Noi, naturalmente, facciamo il tifo per loro.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)