gtag('config', 'UA-102787715-1');

Fleetwood Mac: La storia di Rumours, l’album che cambiò il loro destino

I Fleetwood Mac sono una delle Rock Band più iconiche di tutti i tempi. La storia del gruppo, particolarmente controversa, è costellata di cambi di rotta molto bruschi che, più di una volta, rischiarono di mandare il clima interno al gruppo al collasso. L’opera della band ha assistito ad un costante avvicendarsi di nuovi membri che, in ultimo, separarono il proprio cammino da quello del gruppo per i motivi più disparati. Questo, comunque, non impedì alla band di scolpire il proprio nome nella leggenda, a testimonianza della forza straordinaria della loro musica. I Fleetwood Mac raggiunsero il punto di svolta definitivo quando pubblicarono Rumours, un disco che avrebbe cambiato per sempre il loro destino e di cui in quest’articolo riportiamo la storia.

I fatti cominciano con Stevie Nicks, intenta a scrivere una delle canzoni più evocative nell’intera discografia dei Mac. Era il 1976 e Stevie era seduta sul letto di Sly Stone in un pomeriggio d’inizio anno, mentre, in preda ad un impeto creativo, firmò Dreams. La band si trovava all’interno della Record Plant di Sausalito in California. Nel frattempo, i Fleetwood tentavano di mettere da parte i dissapori per incidere quello che sarebbe diventato Rumours. L’artista, dal canto suo, era solita rifugiarsi in quella camera, dalle tinte suggestive, portando con sé un piano elettrico, i suoi diari e disegni. Stevie ricorda i particolari di quei momenti, intrisi di magia, nel documentario del 1997 realizzato per commemorare l’album. “Quando ho scritto Dreams – rivelò Nicks – sapevo già che sarebbe stata speciale. Non fui insicura quando lo mostrai agli altri.

 La storia di Rumours dei Fleetwood Mac

Quando stavano lavorando a Rumours, Stevie Nicks si era aggiunta alla formazione dei Fleetwood Mac insieme all’allora compagno di vita Lindsey Buckingham da solo un anno. I due, reduci dallo scioglimento della band psichedelica dei Fritz, non stavano riscuotendo il successo sperato come duo, prima che ricevessero la chiamata alle armi dei Mac dopo aver riscontrato le pesanti difficoltà che la band tentava di affrontare sin dalla dipartita di Peter Green, avvenuta nel 1970. Quando uscì il primo disco della coppia con la band, il self titled del 1975, i Mac riscossero un successo straordinario grazie a Rhiannon, scritta proprio da Stevie. Le aspettative per Rumours erano, quindi, molto alte.

Negli anni ’70, la Record Plant rappresentava la quintessenza della lussuria di cui quel periodo storico fu il simbolo. I Mac, però, trascorsero nove settimane austere, nel bel mezzo di conflitti coniugali, caos nei rapporti e sessioni d’incisione estenuanti. Mentre il rapporto tra Nicks e Buckingham vacillava, Christine e John McVie divorziavano dopo otto anni di matrimonio; sebbene anche Mick Fleetwood stesse affrontando una dura separazione,  questi riuscì a trovare dei momenti di lucidità in cui poté guidare il gruppo verso la meta.

Alla fine, Dreams, portò ai Fleetwood Mac un successo senza precedenti, grazie alla potenza impressionante della linea vocale di Stevie Nicks. Rumours cambiò per sempre il volto del Rock ed elevò lo status dei Fleetwood Mac a quello di leggende. Secondo il chitarrista, Lindsey Buckingham, Rumours ebbe modo di svettare poiché la band era più forte della somma delle parti in causa che, altrimenti, sarebbe collassata sotto i pesanti dissidi che attanagliavano le vite dei suoi membri.

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)