Foo Fighters si sono esibiti a sorpresa con Roger Taylor

Esibizione a sorpresa dei Foo Fighters

Stupire i propri fan, non negar loro continue sorprese e continuare a tenere alto l’interesse, la passione, l’amore per il rock. Se c’è qualcuno in grado di fare proprio questo, quel qualcuno è proprio Dave Grohl con i Foo Fighters. Qualche tempo fa ci veniva chiesto perchè si parlasse, quasi in maniera smodata, dei Foo Fighters. La risposta, probabilmente, risiede in uno degli ultimi atti della band stessa. Che la band capitanata dall’ex batterista dei Nirvana Dave Grohl sia uno degli ultimi baluardi del grande rock esistente, questo non è un segreto. Ma che sia in grado di non deludere mai i propri fan, attraverso continue sorprese, non è assolutamente scontato.

Ed ecco che un’esibizione a sorpresa dei Foo Fighters non se l’aspettava proprio nessuno. Il delirio che ha imperversato tra i presenti, nel vedere Grohl e gli altri (con una sorpresa certamente non poco rilevante) esibirsi sotto mentite spoglie è indescrivibile, ma racconta perfettamente tutto l’amore, tutta la riverenza, che si deve a una band come quella dei FF.

Cal Jam pop-up show

Il contesto in cui è avvenuta l’esibizione a sorpresa da parte della grunge e alternative rock band statunitense è il Cal Jam pop-up show. Lo show si è tenuto all’Hollywood Palladium, e anticipa soltanto quella che sarà la grande manifestazione autunnale del Cal Jam. L’edizione 2018 di quest’ultimo, infatti, si terrà il 6 ottobre: a San Bernardino, in California, al Glen Helen Park & ​​Festival Grounds, si potrà assistere a numerose e pregevoli esibizioni. I Foo Fighters ci saranno sicuramente (e come potrebbero non esserci?), ma saranno accompagnati da altri grandi pilastri, come Iggy Pop, GarbageTenacious DSilversun PickupsGreta Van Fleet e molti altri.

Ma tornando all’esibizione: la sorpresa più grande c’è stata nel momento in cui la band non è stata presentata con il suo nome, ma con un nome fittizio. Il nome scelto per la presentazione è stato quello di The Holy Shits. Ma prima che Dave Grohl e compagni scendessero sul palco, c’è stato qualcos’altro che merita di essere raccontato.

L’ospite che non ti aspetti: Roger Taylor

L’ospite che non ti aspetti, infatti, è stato Roger Taylor. The Holy Shits è scesa sul palco dopo l’esibizione della cover band Chevy Metal (con Taylor Hawkins alla batteria). La band ha reinterpretato grandi classici, come “Jailbreak” di Thin Lizzy, “My Sharona” dei The Knack, “Miss You” dei Rolling Stones.

Quando è arrivato di fare gli omaggi a Freddie Mercury, però, alla batteria si è aggiunto un colosso: Roger Taylor.

Alla fine, è arrivato il tanto agognato momento di Foo Fighters. La band ha esiguito alcune canzoni che soltanto raramente sono state interpretate sui palchi: “Watershed”, “Gimme Stitches”, “Weenie Beenie”, “Low”, “Hey Johnny Park” , “Alone + Easy Target” e “New Way Home”. Alla fine della fiera, però, non è mancata la classica Everlong.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.