gtag('config', 'UA-102787715-1');

Franco Battiato, quella volta che recitò nel videoclip “L’Assenzio” dei Bluvertigo

Lo sappiamo che Franco Battiato, nonostante ora non stia benissimo di salute, è sempre stato un appassionato di musica particolare. Conosciamo bene il suo legame di amicizia con i Bluvertigo e la stima verso i loro confronti e in particolare a Morgan, il leader della band. Andiamo a recuperare insieme quella volta che Franco Battiato recitò nel videoclip “L’Assenzio” dei Bluvertigo, una delle più belle canzoni della band capitanata all’epoca da Marco Castoldi, aka Morgan. La canzone partecipò al Festival di Sanremo del 2001, dopo aver partecipato giusto qualche anno nella sezione Nuove Proposte con Iodio. Nel periodo tra Iodio e il 2001 la band era veramente esplosa, guadagnandosi il favore di critica e pubblico.

Il riferimento all’assenzio come bevanda

Nel 2001 i Bluvertigo decisero di presentare “L’Assenzio (The Power of Nothing)”, questo il titolo totale e generale, e pensavano di poter far grandi cose. Lo fecero in effetti perché dal punto di vista artistico quella canzone è di fatto una delle migliori di quell’edizione e forse tra le migliori tre canzoni della band. Il gruppo disse che al tempo la canzone nacque sotto l’effetto dell’assenzio, questa celebre bevanda alcolica che aveva ispirato moltissimi scrittori decadenti. Da Charles Baudelaire a Paul Verlaine molti poeti avevano provato l’assenzio e alcuni ci avevano dedicato opere d’arte splendide, come Edgar Degas.

Il significato nascosto del titolo della canzone di Morgan

Ma cosa c’entra Franco Battiato in tutto questo? Sin dall’inizio fu affascinato dalla canzone come aveva raccontato Morgan in varie occasioni. I Bluvertigo gli avevano fatto ascoltare la canzone in anteprima e Franco era rimasto molto colpito dal titolo del brano. L’Assenzio infatti non si riferiva solamente alla celebre bevanda alcolica, ma anche a un particolare gioco di parole che riguardava il titolo della canzone stessa. Assenzio infatti, in inglese, si tradurrebbe con absinth, una crasi di due parole particolare e poi reinterpretate da Morgan e da Franco Battiato. Ab sarebbe “a favore di” (in realtà presa dal greco) e sinth potrebbe diventare facilmente synth, ovvero sintetizzatore. Quindi la parola assenzio diventerebbe “a favore di un sintetizzatore”.

Chi ha diretto il videoclip della canzone dei Bluvertigo

Mica male come idea eh? Ebbene, Franco Battiato decise di recitare nel videoclip “L’Assenzio” dei Bluvertigo e fu molto felice di ciò. In realtà fu una sorta di cameo dove si vede l’autore di Centro di Gravità Permanente che prepara cosa? Ovviamente l’assenzio, sennò che ci serviva a fare. Il videoclip venne girato da Asia Argento, l’ex moglie di Asia Argento che chiaramente ci aveva messo un insieme di elementi presi dal padre Dario. Il videoclip è piene di riferimenti e atmosfere gotiche, ci sono oggetti a chiaro stampo horror mischiati con altri elementi più ironici e simpatici.

Ultima in classifica

Pensate che quella canzone arrivò ultima in classifica. Ma poco importava alla fine, i Bluvertigo avevano fatto una canzone pazzesca e il videoclip non era da meno. Avvicinare poi una figura così carismatica e importante per la musica italiana come Franco Battiato a una band così nuova non era facile Consideriamo che poi Franco non ha mai collaborato molto nella sua carriera con tanti artisti.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.