gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury, ascolta la splendida voce isolata del leader dei Queen in “Bohemian Rhapsody”

A voi piace “Bohemian Rhapsody”? Siamo sicuri di sì. Siamo certi che fate parte di quella cerchia di persone che hanno fatto notevolmente innalzare gli ascolti del brano su Spotify, su Youtube, su Tidal e su ogni altro riproduttore musicale. Ebbene, ora potete ascoltare la splendida voce isolata del leader dei Queen in “Bohemian Rhapsody”. Scavando negli archivi musicali del web, qualcuno ha deciso di ricordare il miglior cantante rock del mondo (secondo alcuni), isolando la sua voce su questo pezzo straordinario. Non possiamo far altro che ascoltarla con tantissimo piacere. Potete ascoltarla cliccando qui nel link di seguito (LINK)

La grandezza del brano “Bohemian Rhapsody”

Non ci sarebbe neanche bisogno di parlare ulteriormente della voce isolata del leader dei Queen in “Bohemian Rhapsody”. Di fatto è stato un artista come nessun altro, con una personalità senza eguali, autore di straordinarie canzoni con i Queen (e anche solista). Si è meritato davvero tutto il suo successo come artista? Sì. Definita come la canzone preferita della Gran Bretagna di tutti i tempi, “Bohemian Rhapsody” dei Queen è in gran parte considerata una “opera rock”, non tanto come una canzone pop. La canzone è stata scritta da Mercury per l’album della band A Night at the Opera del 1975. È un’opera di sei minuti, composta da più sezioni senza coro: un’introduzione, un segmento di ballata, un passaggio operistico, una parte hard rock e una coda finale.

Le vendite e l’importanza di “Bohemian Rhapsody”

Il pezzo ebbe un successo così incredibile che trascorse nove settimane ai vertici delle classifiche del Regno Unito e vendette più di un milione di copie alla fine di gennaio del 1976. In realtà ha segnato tutte le epoche (compresa quella contemporanea, non a caso il film biografico su Freddie Mercury si intitola “Bohemian Rhapsody”). Non consideriamo neppure tutti i vari ascolti, a dir poco enormi. Il pezzo ha definito l’era del prog-rock, consolidando ulteriormente i Queen come uno dei più importanti rock band nella storia britannica.

Il ricordo del produttore dei Queen

Il produttore in pista e collaboratore di lunga data dei Queen, Roy Thomas Baker, ha ricordato nel 1999: “” Bohemian Rhapsody” era totalmente incredibile, ma ci siamo goduti ogni minuto del brano. Era fondamentalmente uno scherzo, ma uno scherzo molto remunerativo. Abbiamo dovuto registrarlo in tre unità separate. Abbiamo fatto l’intero segmento di inizio, quindi l’intero segmento di mezzo e quindi la parte conclusiva. Era una follia completa. La parte centrale era iniziata da solo un paio di secondi, ma Freddie voleva continuare a inserire molti più “Galileos” e abbiamo continuato a rimpolpare la sezione opera, che è diventata sempre più grande e maestosa. Non abbiamo mai smesso di ridere… È iniziato come una ballata, ma la fine è stata pazzesco.”

Le tracce vocals only

Le tracce vocali isolate di solito esercitano una grande potenza. Dopotutto, rimuovere tutti gli strumenti della band consente alla voce e all’emozione del cantante di trionfare sopra ogni altra cosa. Sappiamo che, con Freddie Mercury, questo concetto si innalza all’ennesima potenza. Siete d’accordo? Noi siamo certi di sì.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.