gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury: ascolta la straordinaria esibizione a cappella di We Are The Champions (VIDEO)

In diverse occasioni abbiamo avuto modo di sottolineare quanto talentuoso fosse Freddie Mercury, soprattutto dal punto di vista vocale. Il leader dei Queen aveva, di sicuro, una voce di grandissimo valore e non soltanto per estensione vocalica di oltre 4 ottave e mezzo, ma anche per tutta quella emozione che sapeva regalare attraverso quello che possiamo definire come un vero e proprio strumento. Per questo motivo, nel corso degli anni si sono moltiplicati i video che tentano di isolare la voce di Freddie Mercury dal contesto di una canzone dei Queen, al fine di esaltare tutte le qualità del cantautore e cantante britannico. In questa occasione, vogliamo parlarvi della straordinaria esibizione a cappella del leader dei Queen in We Are the Champions, di sicuro una delle canzoni più rappresentative nella storia dei Queen. L’emozione è, sicuramente, garantita, e potrà essere ascoltata all’interno di un video che segue.

La storia di We Are The Champions

Al fine di considerare una straordinaria esibizione di Freddie Mercury a cappella in We Are the Champions, vogliamo dapprima considerare la storia di questo stesso brano, singolo pubblicato il 7 ottobre del 1977 come primo estratto dall’album News Of the World, il sesto in studio che sia stato pubblicato dalla band. La canzone in questione, che è stata scritta da Freddie Mercury, rappresenta una delle canzoni rock più celebri di tutti i tempi, oltre che una delle più emblematiche all’interno della discografia dei Queen, grazie soprattutto al suo tono trionfale e al ritornello che ha fatto la storia della musica. In un sondaggio del 2002, al quale hanno partecipato oltre 700.000 persone, We Are the Champions è stata considerata come la canzone migliore di sempre.

A proposito del brano, Freddie Mercury ne ha spiegato la storia e il concepimento: «Certamente è una relazione che potrebbe essere, ma stavo pensando al calcio quando l’ho scritto. Volevo una canzone di partecipazione, qualcosa a cui i fan potevano aggrapparsi. Era rivolto alle masse; Pensavo che avremmo visto come l’hanno preso. Ha funzionato a meraviglia. Quando lo abbiamo suonato in un concerto privato a Londra, i fan hanno iniziato a cantare tra i numeri. Certo, l’ho dato più finezza teatrale di un normale canto di calcio. Sai chi sono. Certamente non stavo pensando alla stampa quando l’ho scritta. Di questi tempi non penso mai alla stampa musicale britannica. Doveva davvero offrire ai musicisti lo stesso dei fan. Suppongo che potrebbe anche essere interpretato come la mia versione di ” I Did It My Way”. Ce l’abbiamo fatta, e certamente non è stato facile. Nessun letto di rose come dice la canzone. E non è ancora facile.»

L’esibizione a cappella di Freddie Mercury in We Are the Champions

A questo punto, possiamo considerare quella straordinaria esibizione a cappella di Freddie Mercury in We Are the Champions, per quanto non sia originale. L’esibizione in questione, infatti, fa parte dell’ambito di quelle canzoni di cui viene isolata la voce attraverso appositi programmi, per evidenziare tutte le qualità di un determinato artista. Non resta che lasciarvi al video che segue:

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.