gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury: Ecco come reagì alla morte di Jimi Hendrix

 Il leggendario Leader dei Queen, Freddie Mercury, ha sempre covato una forte passione per l’opera dell’eroe della sei corde per eccellenza, Jimi Hendrix. Mercury è stato un grande estimatore della musica sin dalla tenera età. Prima di diventare uno dei più grandi frontman nella storia del Rock, Freddie Mercury dimostrava di essere particolarmente timido e, alla ricerca di fonti d’ispirazione costanti da parte dei mostri sacri della musica. Quella di Jimi Hendrix, era la figura che Freddie Mercury idolatrava più di tutte.

Da giovane, Freddie girò la Gran Bretagna in lungo e in largo per ammirare le performance del suo più grande eroe. Mercury custodiva una fotografia del chitarrista nella sua camera, imitava le sue movenze sul palco e dipingeva ritratti del chitarrista. Recentemente, è decorso il cinquantesimo anniversario della morte della leggenda della sei corde. In quest’articolo, scopriremo la reazione del Leader dei Queen quando seppe della tragica morte di Jimi Hendrix.

L’amore di Freddie Mercury nei confronti dell’opera di Jimi Hendrix non è mai stato segreto. Sin da quando studiava ancora arte e design all’ Ealing Art College, Mercury aspirava a replicare lo stile iconico ed oltraggioso di Hendrix sul palco, scolpendo nei particolari il sogno che avrebbe voluto realizzare a tutti i costi. Mercury reputava Hendrix un uomo meraviglioso ed uno showman formidabile; nonché un musicista devoto. La sua morte, quindi, sconvolse il giovane Bulsara in maniera radicale.

Come reagì Freddie Mercury alla morte di Jimi Hendrix?

Conosciamo le spiccate doti di Freddie Mercury come pianista, ma il leader dei Queen, in realtà, aveva intenzione di seguire le orme del suo idolo alla chitarra. Il cantante impiegò poco tempo a capire che non sarebbe mai riuscito ad eguagliare le doti innate del leggendario chitarrista. Proprio riferendosi a Jimi Hendrix, Mercury disse: “Jimi non ha bisogno di forzare le cose. Gli basta salire sul palco per mandare il pubblico in visibilio. Ha vissuto tutto ciò che avrei voluto avere per me. Hendrix è molto importante per me. Lui è il mio idolo e credo rappresenti l’epitome della Rock Star.

Freddie Mercury credeva che nessuno potesse prendere il posto di Jimi Hendrix e, il senno di poi, ha convalidato le sue tesi. Il leggendario cantante dei Queen sognava ancora di diventare una star mentre vendeva abiti di seconda mano al mercato di Kensington con Roger Taylor quando seppe della morte di Hendrix. Il giovane rimase afflitto dalla notizia, diventando inconsolabile. Lo stand chiuse per tutto il giorno e quella notte, Taylor e Brian May osservarono un tributo al chitarrista eseguendo alcuni dei suoi brani più iconici in un medley. Un anno dopo, Freddie avrebbe composto Miracle, una hit dei Queen, con cui il gruppo rese omaggio ad Hendrix.

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal.