gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, Freddie Mercury e la sua band erano “odiati” dal pubblico britannico?

Il concerto dei Queen al Live Aid del 1985 non è solamente uno dei momenti più importanti nella storia della band britannica. Ma un punto di svolta e un evento epocale nella storia della musica in genere. Tanto più che Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor e John Deacon uscivano da un periodo di crisi che aveva portato ad un loro parziale allontanamento. Ma l’esibizione sul palco del Wembley farà cambiare idea a tutti.

FREDDIE MERCURY, LA FOTO DEL CANTANTE DEI QUEEN AL LIVE AID

Andiamo oggi alla scoperta dell’inedito racconto di un fan dei Queen che era presente allo storico Live Aid del 1985. Il ricordo del diretto interessato è scaturito da una foto – che ritrae proprio Freddie Mercury al Wembley Stadium – condivisa dalla pagina Freddie_Mrcry su Instagram.

Il fan in questione, la cui storia è proprio riportata sotto l’inedito scatto, ha svelato quale fosse il clima che serpeggiava tra i fan e la stampa alla notizia che i Queen sarebbero intervenuti al Live Aid. Tra i tanti nomi presenti al concerto evento organizzato da Bob Geldof, cosa si pensava del live show di Freddie Mercury e soci?

QUEEN, LA STORICA ESIBIZIONE AL WEMBLEY STADIUM

Nonostante i Queen abbiano avuto a disposizione solamente 20 minuti sul palco del Wembley Stadium, tanti bastarono per sconvolgere per sempre il mondo della musica. Freddie Mercury e soci proposero ai fan e al pubblico una scaletta formata dai loro più grandi successi: Radio Ga Ga, We Will Rock You, Bohemian Rhapsody. Ma fu soprattutto merito del frontman se il pubblico rimase letteralmente incollato alla sua esibizione per tutto il tempo.

Al Live Aid del 1985 i Queen non erano certamente gli unici artisti di punta dell’evento. Tra i tanti erano presenti musicisti del calibro di David Bowie, gli U2 di Bono Vox ed Elton John. Eppure, stando alle dichiarazioni di chi assistette all’evento, Freddie Mercury rubò la scena a tutti quanti loro.

IL RACCONTO DI UN FAN SUL LIVE AID DEI QUEEN

“Li ho visti tre volte. La prima al Live Aid, la seconda al Wembley e la terza al loro ultimo concerto a Knebworth. – ha raccontato un fan, sulla pagina Instagram Freddie_MrcryHo visto molte band eccezionali, Paul McCartney, Springsteen, […] Roger Waters, Guns N’ Roses, ZZ Top, Elton John, U2, ma non esiste niente di paragonabile ad un concerto dei Queen”. 

View this post on Instagram

💥 Freddie leading the crowd at the Wembley Stadium in 1986 (oh how I wish I was part of that crowd… 🥺)⁣⁣ ⁣⁣ 👉 I have always loved pictures like this, because you can really see how many people Freddie had in front him. It really hits different and you realize even more how legendary he was. ⁣⁣ ⁣⁣ 👉 Here’s a story of a Queen fan who shares his experience of seeing Queen live:⁣⁣ ⁣ “𝐈 𝐬𝐚𝐰 𝐭𝐡𝐞𝐦 𝟑 𝐭𝐢𝐦𝐞𝐬. 𝐓𝐡𝐞 𝐟𝐢𝐫𝐬𝐭 𝐰𝐚𝐬 𝐚𝐭 𝐋𝐢𝐯𝐞 𝐀𝐢𝐝, 𝐭𝐡𝐞 𝐬𝐞𝐜𝐨𝐧𝐝 𝐚𝐭 𝗪𝐞𝐦𝐛𝐥𝐞𝐲, 𝐚𝐧𝐝 𝐭𝐡𝐞 𝟑𝐫𝐝 𝐭𝐡𝐞𝐢𝐫 𝐟𝐢𝐧𝐚𝐥 𝐞𝐯𝐞𝐫 𝐜𝐨𝐧𝐜𝐞𝐫𝐭 𝐰𝐡𝐢𝐜𝐡 𝐰𝐚𝐬 𝐚𝐭 𝐊𝐧𝐞𝐛𝐰𝐨𝐫𝐭𝐡 𝐢𝐧 𝐭𝐡𝐞 𝐔𝐊. 𝐈’𝐯𝐞 𝐬𝐞𝐞𝐧 𝐬𝐨𝐦𝐞 𝐚𝐦𝐚𝐳𝐢𝐧𝐠 𝐛𝐚𝐧𝐝𝐬, 𝐏𝐚𝐮𝐥 𝐌𝐜𝐂𝐚𝐫𝐭𝐧𝐞𝐲, 𝐒𝐩𝐫𝐢𝐧𝐠𝐬𝐭𝐞𝐞𝐧, 𝐌𝐞𝐚𝐭𝐥𝐨𝐚𝐟, 𝐑𝐨𝐠𝐞𝐫 𝗪𝐚𝐭𝐞𝐫𝐬, 𝐆𝐮𝐧𝐬 𝐍 𝐑𝐨𝐬𝐞𝐬, 𝐙𝐙 𝐓𝐨𝐩, 𝐄𝐥𝐭𝐨𝐧 𝐉𝐨𝐡𝐧, 𝐔𝟐, 𝐛𝐮𝐭 𝐭𝐡𝐞𝐫𝐞 𝐢𝐬 𝐚𝐛𝐬𝐨𝐥𝐮𝐭𝐞𝐥𝐲 𝐧𝐨𝐭𝐡𝐢𝐧𝐠 𝐥𝐢𝐤𝐞 𝐚 𝐐𝐮𝐞𝐞𝐧 𝐜𝐨𝐧𝐜𝐞𝐫𝐭. 𝐄𝐯𝐞𝐫𝐲 𝐭𝐢𝐦𝐞 𝐈 𝐰𝐚𝐬 𝐣𝐮𝐬𝐭 𝐛𝐥𝐨𝐰𝐧 𝐚𝐰𝐚𝐲 𝐛𝐲 𝐭𝐡𝐞𝐢𝐫 𝐩𝐞𝐫𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚𝐧𝐜𝐞. 𝐓𝐫𝐮𝐥𝐲 𝐚𝐦𝐚𝐳𝐢𝐧𝐠. 𝐒𝐨 𝐦𝐚𝐧𝐲 𝐠𝐫𝐞𝐚𝐭 𝐬𝐨𝐧𝐠𝐬 𝐚𝐧𝐝 𝐅𝐫𝐞𝐝𝐝𝐢𝐞 𝐡𝐚𝐝 𝐭𝐡𝐞 𝐜𝐫𝐨𝐰𝐝 𝐞𝐧𝐫𝐚𝐩𝐭𝐮𝐫𝐞𝐝. 𝐈 𝐭𝐡𝐢𝐧𝐤 𝐢𝐭 𝐬𝐮𝐦𝐦𝐞𝐝 𝐮𝐩 𝐚𝐭 𝐋𝐢𝐯𝐞 𝐀𝐢𝐝. 𝐄𝐯𝐞𝐫𝐲 𝐛𝐚𝐧𝐝 𝐡𝐚𝐝 𝐭𝐡𝐞 𝐬𝐚𝐦𝐞 𝐬𝐞𝐭, 𝐬𝐚𝐦𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐝𝐢𝐭𝐢𝐨𝐧𝐬 𝐬𝐚𝐦𝐞 𝐚𝐮𝐝𝐢𝐞𝐧𝐜𝐞. 𝐁𝐢𝐠 𝐧𝐚𝐦𝐞𝐬 𝐥𝐢𝐤𝐞 𝐁𝐨𝐰𝐢𝐞, 𝐄𝐥𝐭𝐨𝐧, 𝐓𝐡𝐞 𝗪𝐡𝐨, 𝐃𝐢𝐫𝐞 𝐒𝐭𝐫𝐚𝐢𝐭𝐬. 𝐐𝐮𝐞𝐞𝐧 𝐚𝐭 𝐭𝐡𝐚𝐭 𝐬𝐭𝐚𝐠𝐞 𝐰𝐞𝐫𝐞 𝐚 𝐥𝐢𝐭 𝐛𝐢𝐭 𝐝𝐢𝐬𝐥𝐢𝐤𝐞𝐝 𝐛𝐲 𝐔𝐊 𝐜𝐫𝐨𝐰𝐝𝐬 𝐚𝐧𝐝 𝐦𝐞𝐝𝐢𝐚. 𝐁𝐮𝐭 𝐭𝐡𝐚𝐭 𝐰𝐚𝐬 𝐭𝐡𝐞 𝐝𝐚𝐲 𝐭𝐡𝐞𝐲 𝐚𝐛𝐬𝐨𝐥𝐮𝐭𝐞𝐥𝐲 𝐛𝐥𝐞𝐰 𝐞𝐯𝐞𝐫𝐲𝐨𝐧𝐞 𝐨𝐮𝐭 𝐨𝐟 𝐭𝐡𝐞 𝐰𝐚𝐭𝐞𝐫. 𝐀𝐭 𝐭𝐡𝐞 𝐞𝐧𝐝 𝐨𝐟 𝐭𝐡𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐜𝐞𝐫𝐭 𝐰𝐚𝐥𝐤𝐢𝐧𝐠 𝐛𝐚𝐜𝐤 𝐭𝐨 𝐭𝐡𝐞 𝐭𝐮𝐛𝐞 𝐬𝐭𝐚𝐭𝐢𝐨𝐧 𝐭𝐡𝐫𝐨𝐮𝐠𝐡 𝐭𝐡𝐞 𝐭𝐮𝐧𝐧𝐞𝐥𝐬 𝐭𝐡𝐞 𝐰𝐡𝐨𝐥𝐞 𝐜𝐫𝐨𝐰𝐝 𝐰𝐚𝐬 𝐬𝐢𝐧𝐠𝐢𝐧𝐠 𝐚 𝐦𝐚𝐬𝐬 𝐫𝐞𝐧𝐝𝐢𝐭𝐢𝐨𝐧 𝐨𝐟 𝐁𝐨𝐡𝐞𝐦𝐢𝐚𝐧 𝐑𝐡𝐚𝐩𝐬𝐨𝐝𝐲. 𝐇𝐞𝐚𝐫𝐢𝐧𝐠 𝐭𝐡𝐚𝐭 𝐬𝐨𝐮𝐧𝐝 𝐞𝐜𝐡𝐨𝐢𝐧𝐠 𝐭𝐡𝐫𝐨𝐮𝐠𝐡 𝐭𝐡𝐞 𝐭𝐮𝐧𝐧𝐞𝐥𝐬 𝐣𝐮𝐬𝐭 𝐬𝐮𝐦𝐦𝐞𝐝 𝐮𝐩 𝐭𝐡𝐞 𝐢𝐦𝐩𝐚𝐜𝐭 𝐭𝐡𝐚𝐭 𝐭𝐡𝐞𝐲 𝐡𝐚𝐝 𝐨𝐧 𝐭𝐡𝐚𝐭 𝐜𝐨𝐧𝐜𝐞𝐫𝐭. 𝐀𝐧𝐝 𝐬𝐭𝐢𝐥𝐥 𝐠𝐢𝐯𝐞𝐬 𝐦𝐞 𝐠𝐨𝐨𝐬𝐞𝐛𝐮𝐦𝐩𝐬 𝐭𝐡𝐢𝐧𝐤𝐢𝐧𝐠 𝐚𝐛𝐨𝐮𝐭 𝐢𝐭 𝐭𝐨𝐝𝐚𝐲, 𝐨𝐯𝐞𝐫 𝟑𝟎 𝐲𝐞𝐚𝐫𝐬 𝐚𝐟𝐭𝐞𝐫 𝐭𝐡𝐞 𝐞𝐯𝐞𝐧𝐭.”

A post shared by Phebe (@freddie_mrcry) on

Stando alle stesse parole del fan, prima che i Queen si esibissero al Live Aid, c’erano molti pregiudizi riguardo la loro presenza. Nessuno era pronto a scommettere su di loro, data anche la partecipazione di tantissime altre rockstar d’eccezione. “Freddie aveva completamente catturato la folla – prosegue però il racconto – […] Tutte le band avevano lo stesso set, le stesse condizioni, lo stesso pubblico. Grandi nomi come Bowie, Elton, The Who, Dire Straits. I Queen su quel palco non piacevano molto al pubblico e ai media. Ma quel giorno sconvolsero decisamente tutti quanti. Alla fine del concerto, camminando verso la metropolitana nella galleria, tutta la folla cantava Bohemian Rhapsody“. 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.