gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury, la maledizione di Mary Austin e l’eredità dei Queen

Un aspetto della vita di Freddie Mercury che molte persone avevano dimenticato, prima del biopic Bohemian Rhapsody, è il suo rapporto di sei anni con una donna di nome Mary Austin. I due hanno avuto una relazione dal 1970 al 1976. La coppia viveva insieme a West Kensington, a Londra. A metà degli anni ’70, Mercury si rese conto di essere bisessuale e iniziò una relazione con un dirigente discografico della Elektra Records. Nel 1976, ha confessato il suo orientamento sessuale a Mary Austin, e questo ha portato alla fine della loro relazione.

IL PATRIMONIO DI FREDDIE PER MARY AUSTIN

All’inizio degli anni ‘80, ha continuato ad avere brevi relazioni con diverse altre donne, prima di iniziare una relazione a lungo termine con il parrucchiere Jim Hutton nel 1985. Eppure, Freddie non smise mai di essere amico di Mary. Erano amici intimi fino alla sua morte e lasciò moltissimo a Mary. A lei andarono la Garden Lodge in Logan Place a Londra, una splendida dimora che Mercury acquistò per circa 5 milioni di sterline nel 1985 oltre che un’altra cosa. A lei diede infatti parte dei diritti delle canzoni dei Queen. Grazie al biopic sulla band di cui lui era il frontman, i diritti discografici hanno fruttato oltre 40 milioni di sterline, che sono andati tutti alla Austin.

GIGANTESCA EREDITÀ

Mary Austin avrebbe dovuto essere sua moglie e, se lo fosse, avrebbe comunque ereditato la sua fortuna. Mercury aveva descritto l’amore che provava per Mary Austin trascendendo tutti gli altri e in molte occasioni aveva detto che l’avrebbe amata fino a quando non avesse esalato il suo ultimo respiro. Paradossale è il fatto che Mercury lasciò 500.000 sterline cadauno per Jim Hutton, per il suo assistente personale Peter Freestone e per Joe Fanelli, il suo chef. Ma per Mary, come suddetto, la cifra fu altissima e ciò generò diversi malumori, definiti da Mary come “la maledizione dell’eredità di Freddie”.

LA MALEDIZIONE DEL PATRIMONIO DI FREDDIE

Mentre i fan sono ancora in fibrillazione per un possibile (ma improbabile) sequel di Bohemian Rhapsody, Mary Austin ha sempre pensato di essere in difficoltà per tutti quei beni. la Austin ha sempre detto di trovarsi di fronte a invidia, angherie e problemi generati non tanto dai fan, ma dai collaboratori più stretti del cantante. Freddie, in realtà, ben prima di morire, l’aveva avvisata di ciò dicendole che ci sarebbero stati moltissimi malumori e tanti individui avrebbero tentato di renderle la vita un inferno. Sembra che molti amici intimi di Freddie e degli altri componenti dei Queen se ne siano andati e non considerino più lei, Brian May o Roger Taylor come amici.

MARY VS. I MEMBRI DEI QUEEN

Mary ha detto: “io non penso che i restanti membri dei Queen si siano mai rassegnati di fronte a questo e non sono mai riuscita a capire perché. Per me è stata molto duracerco sempre di non essere né gelosa né invidiosa nei confronti delle altre persone. Freddie è stato molto generoso con loro negli ultimi anni della sua vita ma io non credo che loro abbiano mai compreso la sua generosità. Non penso abbiano mai apprezzato o riconosciuto ciò che Freddie ha lasciato loro. Ad esempio, ha lasciato loro un quarto delle quote degli ultimi quattro album, cosa che non era tenuto a fare. E io non li ho mai più sentiti. Dopo la morte di Freddie si sono semplicemente allontanati”, 

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.