Freddie Mercury, le parole dell’attore Laurence Olivier sul frontman dei Queen

Freddie Mercury è stato un’icona della musica rock britannica durante la sua vita e la sua morte non ha fatto altro che aumentare la sua nomea di incredibile cantante. La sua figura è stata tenuta in grandissima considerazione non solo da milioni e milioni di fan, ma anche da un numero di celebrità piuttosto nutrito. Da artisti, attori, altri cantanti e musicisti, persino ballerini (pensate al particolare rapporto, mai completamente chiaro, che Freddie Mercury aveva con il celebre ballerino Nureyev). Forse non lo sapevate, ma tra quelli che lo ammiravano c’era una vera leggenda della recitazione: Laurence Olivier.

IL RAPPORTO TRA FREDDIE MERCURY E DAVE CLARK

I talenti e le abilità di Freddie Mercury hanno ricevuto un successo di critica straordinario, sia per quanto riguarda il suo lavoro con i Queen e sia la sua carriera da solista. In un’intervista, l’amico intimo di Freddie, il cantante Dave Clark, ha raccontato un particolare aneddoto. Clark aveva lavorato per la prima volta con Mercury nel concept album di Clark, Time. Freddie aveva collaborato con Dave come voce in alcuni pezzi e aveva ripubblicato alcuni pezzi lui stesso come cover come In My Defence, pubblicato dopo la morte di Mercury nel 1992. Ed ecco che qui entra in gioco Laurence Olivier, pluripremiato premio Oscar alla carriere e non solo, oltre che artista teatrale formidabile.

IL RAPPORTO TRA FREDDIE MERCURY E LAURENCE OLIVIER

Nell’album infatti figurava anche la leggenda del teatro e del cinema Laurence Olivier. Secondo Dave Clark, l’album Time ha permesso a Olivier di conoscere le abilità canore e di musicista proprio di Freddie Mercury. Clark ha ricordato: “Laurence Olivier era una vera leggenda, un dio della recitazione. Ha narrato l’album [Time] e ho inserito la sua narrazione in questo album, eppure lui non sapeva chi fosse Freddie. E quando Freddie è venuto ha detto: “Ora, mio ​​caro ragazzo [inteso a Dave], ho davanti un vero attore“.

FREDDIE MERCURY AL SETTIMO CIELO

Clark era davvero incredulo su queste parole e ha pensato subito di raccontarlo a Mercury, sperando di sorprenderlo. E aveva davvero ragione. Ha ammesso: “L’ho detto a Freddie e lui era al settimo cielo. Ho organizzato una cena a casa mia, Olivier è arrivato e hanno legato immediatamente”. In realtà, Freddie è sempre stata un’anima molto artistica e creativa ma era anche piuttosto timido, soprattutto con figure molto famose. Non per nulla le prime volte che conobbe Nureyev, si racconta almeno, era in grandissimo imbarazzo e non sapeva cosa fare di fronte ad un ballerino così talentuoso e bravo.

PERSONA DI GRAN CLASSE E STILE

In privato, [Freddie] era una persona adorabile, di gran classe, di grande stile. Aveva un Picasso nel suo bagno e aveva un ottimo stile. E gli importava delle persone, il che era bello.
Vedi i suoi videoclip e si pensa che sia completamente fuori dal mondo ma non lo è. Lui è una persona vera e genuina
.” Queste sono state le parole di Dave Clark sul suo amico, tragicamente deceduto per cause dovute al virus dell’Aids. Pensate vedere oggi i due, Mercury e Olivier, ancora vivi. Con quale anno in più.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.