gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury su Michael Jackson: “il mio più grande rimpianto è non aver…”

Freddie Mercury e Michael Jackson erano e rimangono ancora oggi due delle più grandi icone della musica mondiale. Uno era il leggendario frontman dei Queen, l’altro era conosciuto come il Re del pop ed, entrambi, hanno scritto pagine indelebili nella storia della musica. I due, inoltre, erano legati da una profonda amicizia e, in più e più occasioni, si trovarono anche a lavorare insieme.

L’incontro tra Freddie Mercury e Michael Jackson

Il primo incontro tra Michael Jackson e Freddie Mercury avvenne quando l’autore di Thriller si presentò, come semplice spettatore, ad uno show dei Queen:

“Qualche anno fa Michael Jackson spesso e volentieri veniva ad assistere ai nostri show a Los Angeles -spiegò una volta Mercury- e, così, ho avuto modo di conoscerlo. Continuava a venirci a trovare e, piano piano, abbiamo iniziato a parlare. Per noi significava veramente molto. Ricordo anche di essere andato a cena con lui una volta.”

I due, infatti, si ritrovarono anche a cena insieme: “Ricordo di essere andato a cena con Michael una sera, anche se mi confessò che non amava uscire. Diceva sempre che tutto ciò che desiderava poteva benissimo portarselo a casa. Io, invece, non sono mai stato così, mi annoierei a morte: devo uscire tutte le sere.”

Freddie Mercury, tra l’altro, rimase a dir poco stupito dal talento di Michael Jackson: “era veramente incredibile e quando lo guardavo pensavo: ‘mio dio, io ho 37 anni e lui 25, eppure è nel settore da più tempo di me’. 

Il più grande rimpianto del frontman dei Queen

Non dimentichiamoci, poi, del prezioso consiglio che diede il Re del pop ai Queen. Durante la lavorazione del disco “The Game” i membri della band britannica vivevano un periodo di sconforto e, a sollevare le loro sorti, ci pensò proprio Michael Jackson. Fu proprio il ballerino e compositore statunitense a convincerli a far uscire il brano “Another One Bites The Dust“, diventato poi uno dei pezzi più iconici della band.

Elogi a parte, i due artisti come dicevamo ebbero anche l’occasione di collaborare, lavorando a ben 3 pezzi insieme.’There Must Be More to Life Than This‘, ‘State of Shock‘ e ‘Victory‘ sono infatti il frutto dell’incontro tra Michael Jackson e Freddie Mercury.

“Si, certo, erano dei gran bei pezzi -ammetterà Mercury- ma il vero problema era il tempo. Eravamo entrambi molto impegnati all’epoca.”

Il più grande rimpianto di Freddie Mercury, infatti, è sempre stato questo: non aver mai avuto abbastanza tempo da dedicare al suo collega ed amico Michael Jackson.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)