gtag('config', 'UA-102787715-1');

George Harrison: 5 fatti interessanti sul “beatle silenzioso”

Dietro la tranquillità di George Harrison, si nascondeva pura genialità. Dopo aver militato nei Beatles per diversi anni, intraprese la carriera da solista, oltre che da produttore musicale e cinematografico, per poi salutarci il 29 novembre 2001 a causa di una malattia. Per ricordare una delle menti più brillanti dei Fab Four, ecco 5 fatti interessanti sul “beatle silenzioso”.

1) George Harrison venne aggredito da un maniaco

Il 30 dicembre del 1999, George Harrison venne aggredito da un maniaco nella sua abitazione. Michael Abrams, un uomo di 33 anni, superò i cancelli alle ore 3 e 30 del mattino, e ruppe la finestra del salone. Il musicista affrontò in un primo momento il criminale, che iniziò ad urlare minacciandolo con un coltello. Nel tentativo di disarmare l’uomo, Harrison venne colpito diverse volte all’addome, procurandosi ferite profonde. La moglie Olivia riuscì a colpire l’uomo con un piccolo lampadario, facendo cadere il coltello dalle sue mani. I due riuscirono ad immobilizzare il maniaco, con la polizia che non tardò ad arrivare per arrestarlo. Curiosa la motivazione che diede al suo folle gesto, ovvero credere che Harrison fosse il diavolo in persona. Il musicista però non aveva superpoteri, e dunque passò i giorni successivi all’aggressione in ospedale, per curare le ferite dovute ai tagli del coltello.

2) Un grande attore

Secondo le parole di Richard Lester, regista dei due film in cui i Beatles recitarono insieme (Tutti per uno e Help!), George era il migliore nella recitazione dei Fab Four. Fu l’unico a sorprendere sul set per le sue doti da attore, percorso che intraprese solo in parte come produttore cinematografico.

3) La pianta sulla tomba di George Harrison

In onore del membro dei Beatles, nel 2004 venne piantato un albero di pino a Griffith Park di Los Angeles con una targa dedicata proprio a Harrison: “In memoria di un grande umanitario che ha toccato il mondo come artista, musicista e giardiniere“. A distanza di anni successe qualcosa di incredibile che fece notizia. L’albero è stato completamente distrutto da indovinate da chi? Da degli scarafaggi.

4) La sua prima volta con una donna

I Beatles assistettero alla deflorazione di George Harrison, all’età di 17 anni. Durante i primissimi anni della band, furono costretti a condividere una casetta ad Amburgo, in Germania, a causa dei miseri pagamenti che ricevevano in quegli anni. Harrison ricordò in merito a quell’occasione: “Non sapevo fossero nella stanza, eravamo tutti sotto le coperte. Ma alla fine, applaudirono… almeno sono stati tranquilli mentre lo stavo facendo!

5) Salvatore dei Monty Python

Appassionato del gruppo comico Monty Python, George Harrison salvò uno dei loro film. Trattasi del film Brian di Nazareth, che durante la scrittura subì un arresto a causa del mancato finanziamento da parte della EMI, che ritenne la sceneggiatura volgare ed offensiva. Il beatle, venuto a sapere che forse il film non si sarebbe fatto, finanziò il progetto con 4 milioni di dollari, ipotecando la sua casa di Friar Park. Per finanziare il film, Harrison creò una sua casa di produzione cinematografica, la HandMade Films, con cui produsse poi altre pellicole.

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.