27 February, 2021, 20:48

Guns N’ Roses, perché “Nightrain” si chiama così?

I Guns N’ Roses sono un gruppo americano di Los Angeles, attivo dalla seconda metà degli anni Ottanta. Si tratta di un gruppo spesso molto chiacchierato, sia per i loro eccessi che per il loro modo di fare. I loro look eccentrici, le loro capigliature e le loro esibizioni sono diventati i segni distintivi del gruppo, che ad oggi, risulta ancora attivo. Una carriera abbastanza lunga cominciata con un esordio esplosivo: Appetite for Destruction. E’ come già puntualizzato il loro primo album, eppure sarà così incisivo da segnare la loro carriera sin dal primo momento. Effettivamente, per essere il loro primo lavoro getta delle ottime basi per il mantenimento del loro profilo. In molti lo reputano, non a caso, uno dei migliori album presenti nella loro discografia. Tra le canzoni che vediamo in questo loro primo album c’è “Nightrain”: perché i Guns N’ Roses decidono di intitolare così questa traccia?

Appetite for Destruction: in che contesto è nato?

Siamo nel 1987 e i Guns N’ Roses dopo essersi formati, cominciato poi a lavorare sui loro brani. Il risultato sarà l’uscita nel 21 luglio del 1987 del suddetto album, che oltre ad essere uno degli album debutto più venduti della storia è riuscito ad ottenere un’altra serie di riconoscimenti, sempre riguardanti il suo impatto nel mondo musicale. Di certo, possiamo dire che si tratta di un album più che riuscito. Inoltre, qui sono contenuti parte dei loro singoli e brani di maggiore successo:” Welcome to the Jungle”, ” Paradise City ” e ” Sweet Child o ‘Mine”.

Perché i Guns N’ Roses hanno usato “Nightrain” come titolo della loro canzone?

Questa traccia occupa la terza posizione del primo lato, che i Guns N’ Roses hanno etichettato con G. L’album infatti presenta questa particolare suddivisione non in A e B -come canonico- bensì in G e R. Le iniziali naturalmente fanno riferimento al loro stesso nome e per ogni lato vi è un nucleo  tematico divero che viene sviluppati. Nel primo lato ritroviamo tutte quelle canzoni che costituiscono il tema della dissolutezza e della violenza, nel secondo amore e sesso. Per quanto riguarda il nome, l’origine è abbastanza semplice. In quel periodo era molto in voga un vino liquoroso californiano che aveva il nome di Night Train Express, che la band era solita consumare. La canzone prende una prima forma in sala prove, ma non verrà mai finita. L’idea diverrà concreta quando una notte la band stava passeggiando su Palm Avenue, mentre consumava quel vino. In quel momento qualcuno ha gridato “sono sul treno notturno!” (in Slash). Dopo questa curiosa coincidenza, la canzone sarà completata in un giorno. Il nome -come si evince- sarà modificato e una T sarà omessa.

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. (mariageraci9@icloud.com)