gtag('config', 'UA-102787715-1');

Guns N’Roses, Duff McKagan: “Ecco chi potrebbe interpretare me in un biopic”

Lo storico bassista dei Guns N’Roses Duff McKagan ha scelto di raccontare le sue sensazioni riguardo alla carriera e alla vita di tutti i giorni. Il cantante e polistrumentista statunitense ha tracciato un bilancio del suo percorso personale e artistico. Quindi, ha dichiarato chi potrebbe assumere le sue sembianze in un ipotetico biopic incentrato sull’epopea dei suoi Guns.

Una notevole carriera da musicista

Nonostante possa vantare oltre 35 anni di carriera, Duff McKagan ancora non si considera come una leggenda del rock. Il bassista ha rilasciato un’intervista al sito LouderSound.com e ha raccontato buona parte della sua esistenza in poche righe. “Suono nei Guns ma non mi piace essere definito come una rockstar”, così esordisce l’artista americano. “Una rockstar è fortemente connessa con il pubblico, ma io non mi sento così”.

“In un’occasione, io e Slash eravamo tornati insieme per la prima volta dopo diverso tempo con i Velvet Revolver. Alcuni ragazzini ci definirono come delle leggende, ma noi avevamo solo 40 anni!”. L’umiltà di McKagan è davvero ammirevole, essendo un autentico punto di riferimento per gli appassionati del rock e del basso in generale. Ad ogni modo, il musicista dei Guns N’ Roses ha spiegato quali sono stati i suoi momenti più critici.

Lo scarso tempo per la sua famiglia

“La cosa peggiore del lavoro in una band – aggiunge Duff – è quella di trascorrere poco tempo con la propria famiglia”. Il bassista non ha nascosto la straordinaria importanza da attribuire agli affetti. “Quando mi sono fidanzato con la mia futura moglie, lei mi ha detto che quasi tutte le cose per le quali mi preoccupavo non sarebbero mai diventate realtà. È stato vero! Mi svegliavo alle 3 di notte preoccupato per un qualcosa che non sarebbe mai accaduto”.

Quindi, l’attenzione di Duff McKagan si è spostata verso le sue esperienze passate con la droga“All’età di 15 anni prendevo troppe sostanze. Ad esempio, ero seduto sul sedile posteriore della vettura di un mio amico ed ero in totale overdose da sostanze psichedeliche. Un teppista iniziò a picchiare sul vetro della macchina, mentre i troll stavano uscendo dal mio cuore. Poi sono andato a vedere un concerto di Iggy Pop e ne sono uscito fuori”.

La sensibilità e il biopic di Duff McKagan

Duff McKagan si è fatto apprezzare nell’ambiente del rock anche per la sua sensibilità. Quando ha saputo della morte di Prince, ha raccontato di essere scoppiato in lacrime. Inoltre, ha parlato dell’ipotesi di realizzare un film biografico sui Guns N’ Roses“Non so cosa dire sul successo di questo genere di film. Sono un fan scatenato dei Queen e ho visto Bohemian Rhapsody, che avrei adorato anche se fosse stato un film dallo schermo bianco per due ore con la loro musica di sottofondo”.

Ad ogni modo, non sono mancati gli aspetti poco graditi, una serie di “inesattezze oggettive”. Duff ha dichiarato di aver visto anche The Dirt, ma ha sottolineato quanto preferisca “leggere libri di storia piuttosto che vedere biopic”. Chi potrebbe assumere il ruolo di McKagan in un ipotetico film sui Guns? Brad Pitt, ovviamente. Sto scherzando, non lo so, ma potrebbe farlo lui”. Ora la palla passa alla stella di Hollywood.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)