gtag('config', 'UA-102787715-1');

I 5 album famosi pieni di eventi horror

Molto spesso fare un album e soprattutto registrarlo è un processo estenuante e davvero stancante. Trovare sale di registrazione adeguate, in particolare modo 30/40 anni fa e oltre, non era così semplice. Pensate inoltre che i vari musicisti rock e metal son sempre stati affascinati (chi più e chi meno) da ambienti strani, spettrali, horror quasi per registrare i loro dischi. Il motivo? Non è solo estetico ma anche per il clima di composizione assolutamente unico. Vediamo allora i 5 album registrati in luoghi horror e spettrali (tranquilli, sono album molto belli).

1. BLACK SABBATH, SABBATH BLOODY SABBATH (1973)

I Black Sabbath, capitanati dal pazzo pazzissimo Ozzy Osbourne, sono sempre stati incuriositi da atmosfere horror e sataniche. Nel 1973 decisero di recarsi al Clearwell Castle, a Gloucestershire in Inghilterra, per registrare il loro quinto album. Scelsero i sotterranei come luogo di registrazione ed erano soliti farsi scherzi lugubri e spettrali, aumentando il fattore inquietante. Pare che una notte si stessero aggirando nei corridoi e notarono una figura dal mantello nero, mai vista prima. Ne furono spaventati ma forse fu solamente effetto dell’alcol e delle droghe assunte che avevano causato svariate allucinazioni.

2. MEAT LOAF, BAT OUT OF HELL (1977)

I Meat Loaf avevano il grande desiderio di fare un super album glamrock. Ci visero lungo, l’album vendette tantissimo. Eppure in quel periodo la band fu sorpresa da alcuni eventi un po’ spaventosi e paranormali. Scelsero i Bearsville Studios a Woodstock, nella Grande Mela, e i vari componenti ricordano una vicenda successa al musicista Jim Steinman. Fu lui a notare che le ante dell’armadio della sua camera sbattevano di continuo e le coperte del suo letto erano rovesciate. Nessuno era entrato nella sua camera. Che fosse uno scherzo?

3. RHCP, BLOOD SUGAR SEX MAGIK (1991)

Anche la band di Anthony Kiedis e di Flea scelse una location particolare. Era un palazzo costruito su una casa affittata come spazio di pratica magica da Harry Houdini, in California, precisamente a Hollywood. Si racconta che il batterista Chad Smith avesse rifiutato di rimanere in questa casa con il resto della band dicendo di sentire varie presenze. In seguito Flea raccontò di aver visto una donna in nero che si aggirava per casa.

4. NINE INCH NAILS, THE DOWNWARD SPIRAL (1994)

Trent Reznor pensò bene che il la villa situata al 10050 Cielo Drive di Bel Air, in California, fosse il luogo giusto per registrare un disco. Per giunta, l’album fu un grande disco che parlava dell’essere umano come di un simbolo che trova pace solo nel suicidio. Se il posto non vi dice nulla, vi informiamo che in quella villa la Manson Family uccise 5 persone, tra cui Sharon Tate, l’ex moglie del regista Roman Polanski.

5. SYSTEM OF A DOWN, HYPNOTIZE / MEZMERIZE (2005)

Durante la realizzazione del doppio album dei System Of A Down, la pubblicista di Rick Rubin Heidi Robinson-Fitzgerald ebbe un incontro inquietante. Si è alzata presto un giorno per organizzare interviste e conferenze e all’improvviso sentì qualcosa alle sue spalle. Ed ecco che vide una donna vestita di bianco, che scendeva le scale ma senza poggiare i piedi a terra. Inoltre, il chitarrista Daron Malakian sentiva strani rumori provenienti dagli amplificatori ogni giorno di registrazione sempre alle 16:00 precise.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.