I messaggi segreti presenti all’interno delle canzoni dei Pink Floyd

All’interno della loro incredibile carriera i Pink Floyd hanno dato un grandissimo supporto e contributo alla storia della musica, grazie a una discografia di grandissimo livello che li ha portati a realizzare canzoni e album di grandissimo livello, che sono diventati celebri non a caso. Accanto a questi grandi prodotti, però, i Pink Floyd si sono distinti anche e soprattutto per la realizzazione di messaggi segreti presenti all’interno delle loro canzoni e che, ovviamente, meritano di essere analizzati. Vi parliamo di quali sono.

Il messaggio segreto in Empty Spaces

Di sicuro, il messaggio segreto più celebre che i Pink Floyd abbiano mai inserito all’interno di un loro brano è quello contenuto all’interno di Empty Spaces, brano presente all’interno del celebre disco The Wall. Il messaggio è ricavabile tramite backmasking, ovvero ascoltando al contrario una sezione in particolare del testo. Per coloro che non hanno avuto la possibilità di coglierlo ascoltando il brano, vi riportiamo il suo contenuto:

– Ciao, osservatore… Congratulazioni. Hai appena scoperto il messaggio segreto. Per piacere, invia la tua risposta al Vecchio Pink, presso la Funny Farm, Chalfont…
– Roger! Carolyne al telefono!
– Okay.

Il messaggio segreto dei Pink Floyd in Sheep

Uno dei messaggi segreti più significativi, se si vuole ricercare una traccia di mistero nella musica dei Pink Floyd, è ricercabile senza dubbio in Sheep, brano di incredibile livello che domina – insieme agli altri – il sontuoso Animals. E’ una voce robotica a pronunciare un messaggio che si può ascoltare attraverso il canale destro, e che recita quanto segue.

Questa la traduzione del messaggio segreto: «Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla. Mi fa riposare su pascoli verdi. Mi conduce presso acque tranquille; con coltelli luccicanti libera la mia anima. Mi fa stare appeso su ganci in luoghi alti. Mi converte in cotolette di agnello. Poiché egli ha grande potere e tanta fame. Quando verrà il giorno che noi sottomessi attraverso una calma riflessione e grande dedizione saremo maestri nell’arte del karate, ci ribelleremo e allora faremo piangere gli occhi del bastardo».

Il significato di The Great Gig In The Sky

Non caratterizza un vero e proprio messaggio segreto, ma The Great Gig In The Sky è, di per sè, oggetto di grande mistero. La bellissima e incredibile voce di Clare Torry, suggerita al gruppo da Alan Parsons, suggerisce al brano un senso particolare e che era stato suggerito alla cantante direttamente dal gruppo: «Non ci sono parole. Riguarda la morte.»

Fu solo dopo tante e diverse registrazioni che Clare Torry riuscì a trovare quella tonalità giusta e quel modo corretto di rispettare il tema, nonostante pensasse – avendo abbandonato lo studio – di non essere stata in grado di farlo.

I secondi finali di Eclipse e la traccia segreta

Ultima canzone che vi riportiamo all’interno di quest’articolo è Eclipse, ultima traccia di The Dark Side Of The Moon e diventata celebre non a caso. Non parliamo, infatti, di un messaggio testuale – come i precedenti -, ma di un innesto musicale che non può non essere colto. Ascoltando gli ultimi secondi del brano, infatti, si può ascoltare Ticket To Ride dei Beatles. Ad oggi non è ancora possibile capire se si tratti di una scelta voluta o di una sovrapposizione tra nastri, dal momento che entrambe le band effettuarono registrazioni agli Abbey Road Studios di Londra. 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.