gtag('config', 'UA-102787715-1');

I tributi del mondo del rock a Ginger Baker

“Siamo molto tristi nell’annunciare che Ginger [Baker] se ne è andato in pace. Grazie a tutti per le parole gentili delle ultime settimane” questo l’annuncio, pubblicato dalla famiglia dell’artista su Twitter. L’icona dei Cream è venuto a mancare all’età di 80 anni – dopo un breve ricovero in ospedale – e il mondo del rock ha deciso di pagare il proprio tributo ad un grande della musica. Il batterista ha lasciato il segno come uno dei musicisti più innovativi e rivoluzionari del proprio tempo. Raggiunse la vetta della propria carriera quando con Eric Clapton e Jack Bruce fondarono i Cream nel 1966.

Carriera e innovazioni

Nel 1966 – assieme a Eric Clapton e Jack Bruce – il batterista Ginger Baker fonda i Cream. Sebbene attivi per due soli anni, i tre riescono a dare vita ad una delle formazioni più iconiche e influenti del rock. Baker da solo è un grandissimo innovatore – sua l’idea di utilizzare una batteria con doppia cassa nel rock. Ginger suona in modo unico, usando la doppia cassa come una singola e guidando con il piede sinistro.

Le innovazioni e le idee avanguardista di Ginger Baker sia in campo musicale – con i Cream – che nell’utilizzo della batteria, finiranno per influenzare moltissimi altri artisti dopo di lui. Per questo motivo, poco dopo la notizia della sua scomparsa, il mondo del rock ha voluto pagare il suo tributo al grande batterista.

I tributi delle rockstar a Ginger Baker

Dopo l’annuncio della morte di Ginger Baker e la conferma da parte della famiglia su Twitter, moltissime sono state le rockstar che hanno reso omaggio al grande batterista dei Cream. Paul McCartney – leggendario membro dei Beatles – ha detto “grande batterista, uomo buono e selvaggio […] Sono triste all’idea che sia morto ma i ricordo non moriranno mai”. La famiglia del suo ex compagno dei Cream Jack Bruce – scomparso nel 2014 – si è unita al dolore per la morte di Ginger. “Era come un fratello maggiore per Jack, la loro chimica era veramente spettacolare”.

Il bassista dei Red Hot Chili Peppers – Flea – ha confermato il carattere selvaggio e da vero artista di Ginger Baker. “C’era così tanta libertà nella sua musica”. “Uno dei più grandi batteristi di tutti i tempi” lo ha definito Stevie Van Zandt. Tantissimi sono stati gli artisti e gli esponenti del rock che hanno reso omaggio al talento e alla memoria di Ginger Baker. I loro tributi possono riassumersi nel messaggio pubblicato da Jay Weinberg – batterista deglli Slipknot – che ha scritto semplicemente “Grazie Ginger Baker”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.