Smells Like Teen Spirit, 17 agosto 1991, riprese del videoclip ufficiale di Smells Like Teen Spirit

Il 17 agosto 1991 iniziavano le riprese di Smells Like Teen Spirit: l’arte che divenne distruzione

Generalmente, all’interno delle culture popolari, il numero 17 ha una connotazione negative: sinonimo di sfortuna, sciagure o disgrazie, in molti cercano di evitare avvenimenti o eventi in questo giorno, per evitare di andare incontro a difficoltà di ogni tipo. Non la pensano allo stesso modo i Nirvana e Smells Like Teen Spirit, che – nel giorno 17 – fonda parte del suo grande successo: il 17 aprile del 1991 venne realizzato il primo live della più celebre canzone dei Nirvana; esattamente quattro mesi dopo, ad agosto, iniziavano le riprese del videoclip ufficiale del brano. Il videoclip che partì con il presupposto di mostrare la band suonare il brano ma che, dopo 12 ore di riprese, si trasformarono nella distruzione più totale. 

Il primo live di Smells Like Teen Spirit: era il 17 aprile del 1991

Il 17 Aprile 1991 i Nirvana eseguirono per la prima volta live Smells Like Teen Spirit all’OK Hotel di Seattle, dando vita a una vera e propria svolta musicale che caratterizzerà la carriera della band grunge. Smells Like Teen Spirit si presentava come tutt’altro che una hit, a causa della sua registrazione “underground” e la qualità di un brano che non poteva rapportarsi ai grandi capolavori dei Nirvana.

Eppure, il successo non conosce ragioni e non fa differenze: la svolta inaugurata il 17 aprile del 1991 caratterizzerà tutta la carriera dei Nirvana, Smells Like Teen Spirit diventerà una canzone odiata da Kurt Cobain e – addirittura – non verrà eseguita, insieme a tutte le altre grandi hit, in occasione del concerto all’MTV Unplugged

Le riprese del videoclip ufficiale di Smells Like Teen Spirit

Prima delle effettive riprese, il 17 agosto del 1991, i Nirvana pubblicarono un annuncio in cui richiedevano a persone dai 18 ai 25 anni di presentarsi vestite in tenuta o stile scolastico («preppy, punk, nerd, jock…»), di presentarsi in uno studio di Culver City adibito a palestra.

Il videoclip venne realizzato in 12 ore di registrazione, con ragazzi apatici, cheerleader, addetti alle pulizie e le A di anarchia come simbolo dominante del brano: il concetto del video era rappresentare un live dei Nirvana in una palestra, ma ben presto questo stesso cambiò. Stanco delle riprese, Kurt Cobain autorizzò i presenti a distruggere lo studio: essi, visibilmente stanchi delle tante ore di attesa, si scatenarono dando vitalità alla parte finale del video. Il 10 settembre dello stesso anno il brano viene estratto come singolo: il resto è storia che tutti conoscono.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.