Il mercato delle audiocassette è in crisi, manca la materia prima

Il mercato delle audiocassette è sempre stato un molto fruttuoso, e insieme ai vinili e CD molti appassionati e collezionisti preferiscono questi formati rispetto ad ascoltare la musica su Spotify o You Tube.

Le fabbriche non producono più da tanto tempo

Nonostante le vendite delle care e vecchie audiocassette negli ultimi anni siano aumentate, il problema è un altro: manca letteralmente la materia prima per costruirle, ovvero l’ossido ferrico il materiale che serve necessariamente per comporre il nastro magnetico su cui la musica viene incisa. I problemi sarebbero due: il primo riguarda gli stabilimenti che si occupano di trovare e lavorare questo prezioso materiale, che da un po’ di tempo sono completamente fermi per ristrutturazioni.

Non si sa quanto durerà questa situazione di stallo ma finché la società a capo di questi stabilimenti non farà qualcosa per cambiare la situazione non saranno più prodotte le audiocassette. Il secondo problema riguarda la vera e propria scarsità di materiale. Ci sarebbe infatti una carenza mondiale di ossido ferrico purificato. Quello disponibile non riesce a coprire la grande richiesta e cosi le società sono costrette a rallentare i lavori e la produzione.

“C’è una carenza mondiale di ossido ferrico purificato, il materiale magnetico utilizzato per produrre i nastri per le registrazioni audio. – ha affermato la National Audio Company la casa produttrice di audiocassetteL’unica fabbrica che raffina l’ossido ferrico è stata in ristrutturazione per tutto il 2019 e, dunque, la National Audio Company quest’anno ha ricevuto solo due tonnellate di questo materiale. Non è a sufficienza per consentirci di far fronte a tutti gli ordini di ogni mese. Di conseguenza, cerchiamo di consegnare i prodotti ai clienti man mano che l’ossido ferrico ci arriva. Al momento stiamo aspettando circa 50 tonnellate di materiale grezzo e ci hanno detto che entro ottobre ne riceveremo 11. Successivamente, tutto dovrebbe riprendere come da programma”.

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)