gtag('config', 'UA-102787715-1');

In ricordo di BB King, una vita spesa a suonare blues

In ricordo di BB King, una vita spesa a suonare blues da sempre. Questo 2020 ha visto l’ennesimo ricordo di un grandissimo bluesman e chitarrista blues fenomenale. Non molte persone si rendono conto che BB King ha praticamente inventato lo stile moderno della chitarra blues rock. Anzi, in realtà lo possono solamente immaginare dal momento che si tratta di un vero e proprio eroe pazzesco, dal punto di vista musicale. Ma andiamo a ripercorrere velocemente la carriera di questa straordinario musicista.

Uno stile ibrido e pazzesco

Era un musicista blues orientato al jazz che suonava in modo simile al T-Bone Walker, usando linee jazz e bending a mezzo tono. Ma quello che voleva era ottenere un suono simile a quello che suo cugino, BookerBukkaWhite, solo che adattato, chiaramente, in una chitarra elettrica. Pensate che spostò le varie corde della sua chitarra utilizzando una corda del banjo per quella più alta. Quale altro musicista avrebbe mai potuto fare una cosa così geniale? Non fateci nomi tipo Morgan o Alex Britti, per favore.

Il re del bending sulla chitarra

Aveva appena inventato quello che siamo arrivati ​​a chiamare “Slinkies” negli anni ’60. E questo gli ha permesso un controllo molto maggiore delle sue note. È chiaro che BB King era famoso per i suoi bending straordinari e unici, come solo lui riusciva a farlo. Poteva spingere lateralmente una corda, piegarla di un tono intero e dargli abbastanza vibrato per farlo praticamente cantare. E praticamente tutti i chitarristi blues e rock hanno seguito l’esempio. Basti pensare a Eric Clapton, Beck, Jimmy Page, Green, Bloomfield, Winter, Carlton, Ritenour, Ford, Jimi Hendrix… Tutti hanno usato il suo modo di fare il bending (e non solo).

La storia della chitarra Lucille

BB King è stato senza dubbio il chitarrista rock e blues più influente degli anni ’60 -’80. Almeno fino all’arrivo di Hendrix, il Nostro ha mostrato a tutti che una chitarra era qualcosa che bisognava assolutamente per far suonare un amplificatore. Pochi ricordano la sua voce, ma anche quella merita una menzione speciale. BB King era anche un cantante meravigliosamente emotivo, un narratore eccezionale, un intrattenitore e un uomo di classe e eleganza. In poche parole le aveva tutte. Lui stesso amava raccontare la storia della sua chitarra più famosa, Lucille. Mentre era in un locale in Arkansas, scoppiò una rissa e ci fu un mega incendio. Si era scordato la sua chitarra. King si precipitò di nuovo dentro per recuperare la sua chitarra amatissima. La rissa era scoppiata a causa di una donna di nome Lucille. Ed ecco spiegato il nome della sua chitarra.

I premi vinti

Come uno degli artisti più apprezzati della musica, King ha vinto il Grammy Award per il miglior album Blues tradizionale nel 2006 per il suo album di duetti. Più tardi, quell’anno, ricevette la medaglia presidenziale della libertà dal presidente George W. Bush. Anni dopo nacque il BB King Museum e il Delta Interpretive Center di Indianola, nel Mississippi, dedicati alla musica di BB King, alla musica che lo ha influenzato e alla storia di l’area del delta. In ricordo di BB King, ci sembrava giusto ricordare la sua gigantesca influenza sulla musica rock e blues (e non solo).

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.