gtag('config', 'UA-102787715-1');

James Hetfield dei Metallica: “in quarantena ho composto tantissima nuova musica”

L’avvento del Coronavirus ha sconvolto completamente la nostra esistenza, costringendoci a passare svariati mesi segretati in casa, isolati dal mondo intero. Per affrontare questo lockdown forzato e la conseguente monotona e piatta quotidianità, gli artisti hanno approfittato di questo periodo per produrre della nuova musica, sperimentando magari qualcosa di nuovo. Tra le band che si sono date maggiormente date da fare ci sono sicuramente anche i Metallica e, un’ulteriore conferma, è arrivata proprio dal frontman della formazione statunitense: James Hetfield.

James Hetfield: “in quarantena ho composto un sacco di nuovo materiale”

James Hetfield, cantante, chitarrista e storico frontman dei Metallica, durante una recente apparizione su SiriusXM è tornato a parlare del Coronavirus e del lockdown, sottolineando come abbia sfruttato questo periodo per lavorare a della nuova musica:

“Per me -e non voglio sembrare ingrato perché so benissimo quante persone ci sono lì fuori che stanno ancora combattendo contro questo maledetto virus- questo periodo è servito a qualcosa in fondo. Soprattutto per noi artisti, che passiamo la nostra vita in tour. Approfittando di questo momento abbiamo pensato un po’ tutti la stessa cosa: ‘e ora che faccio? inizio a comporre nuova musica’. Io personalmente ho un sacco di materiale a disposizione.”

Tra musica e natura, la quarantena del frontman dei Metallica

Il frontman dei Metallica, così come tantissimi altri artisti della scena rock e metal, ha naturalmente approfittato di questo periodo di quarantena forzata per lavorare a della nuova musica e noi, personalmente, non vediamo l’ora di ascoltare il risultato finale. Hetfiled si è poi soffermato su tanti altri aspetti del Coronavirus:

“Un altro lato positivo è stato quello di ritornare nella mia città natale, in Colorado e, a dirla tutta, siamo stati anche piuttosto fortunati: qui sulle montagne il virus non ci ha costretti a rimanere chiusi in casa come è successo nelle grandi città. Da noi potevi pescare, andare in bicicletta, fare rafting, nuotare, andare a caccia e fare tantissime altre cose.” Ha spiegato James Hetfield durante il suo intervento per SiriusXM, aggiungendo: “Piano piano, poi, ho avuto anche modo di rivedere miei vecchi amici, cosa che non avrei potuto fare prima a causa dei concerti, dei tour e tutto il resto. Mi sono dedicato anche ad altre cose, ho costruito alcune mangiatoie per uccelli e naturalmente mi sono semplicemente goduto la natura.”

Insomma, anche James Hetfield ha saputo sfruttare al meglio questo periodo, dedicandosi alla sua tanto amata musica e immergendosi nella natura incontaminata della sua città natale.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)