gtag('config', 'UA-102787715-1');

Janis Joplin, quella volta che la regina del blues ispirò un film

Janis Joplin è riconosciuta come una delle voci femminili più importanti e note della musica rock e blues. Con canzoni come  “Piece Of My Heart”, “Mercedes Benz” e “Maybe” è stata capace di conquistare il mondo, vendendo milioni di dischi e guadagnandosi altrettanti fan, cosa per altro continuano tutt’ora ad aumentare. Come tutti sappiamo Janis Joplin rientra, purtroppo, nel cosiddetto “club 27”. Morì infatti appena ventisettenne il 4 ottobre 1970, ormai cinquant’anni fa.

Janis Joplin ed il film su di lei

La sua vita ricalca i passaggi tipici della tragedia. Dalla gioventù complicata, alla raggiunta del successo arrivato a causa delle proprie doti canore, alla morte dovuta all’uso ed abuso di alcool e droghe. Queste caratteristiche sono degne di una pellicola di Hollywood. Malgrado ancora non sia stato annunciata la produzione su un film biografico su di lei, sulla scia di  “Bohemian Rapsody” o “Rocket man”, anni fa è stato prodotto qualcosa che può ricordare un progetto del genere.

Il film “The Rose”

Nel 1979 venne infatti girato un film che, pur non essendo una vera e propria biografia, di certo racchiude molti punti in comune con la vita dell’artista. Il titolo della pellicola in questione è “The Rose”, che vede come protagonista Bette Midler, al tempo cantante abbastanza nota e con due anni in meno di Janis Joplin. Bette nel 1972 vinse Il Grammy Awards come “Best New Artist” a seguito della pubblicazione del suo primo album “The Divine Miss M”.

I tratti in comune tra la vita di Janis e “The Rose”

I punti in comune tra il film “The Rose” e la vita di Janis Joplin sono diversi. La protagonista è infatti una rockstar con chiari problemi di dipendenza, e che ha difficoltà a gestire la fama e alla ricerca di approvazione. C’è da dire a questo punto che la tanto decantata somigliano alla reale biografia della cantante nata a Port Arthur, non è affatto casuale. Infatti il regista Mark Rydell propose a Bette Midler di partecipare alle riprese dii un film biografico su Janis Joplin che si sarebbe dovuto intitolare “The Pearl”.

“Janis Joplin è mancata da troppo poco tempo, non posso”

Bette però rifiutò, non perché non gradisse la sceneggiatura, ma piuttosto perché credeva che fossero passati troppi pochi anni dalla morte della cantante di “Cry Baby”, per intraprendere un progetto del genere. Un’ulteriore evento che la fece rifiutare fu la presenza di numerose scene che prevedevano la presenza di droghe e sesso. Ciò nonostante il manager di Bette la convinse a rileggere la sceneggiatura. A quel punto accettò, ma alla condizione di non fare una biografia vera e propria, ma di tenere solo alcuni tratti caratteristici.

L’accoglienza di “The Rose”

“The Rose” uscì nelle sale il 9 novembre 1979 e ottenne ben quattro nomination ai premi oscar, compresa quella per la migliore attrice protagonista. Bette non vinse il premio, ma ciò non toglie l’incredibile eccezionalità della pellicola che può attirare sia l’attenzione degli appassionati di musica rock, sia quelli di cinema. Vedremo se nei prossimi anni verrà girato anche un cero e proprio film biografico sulla vita di Janis Joplin.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com