Jason Bonham: Quel membro dei Led Zeppelin che gli offrì cocaina

L’immagine della droga è stata molto spesso accostata alla vita sregolata di molti artisti rock. Non era infatti difficile, negli “anni d’oro del rock”, trovare i propri idoli sotto effetto di stupefacenti. Recentemente, Jason Bonham, figlio del celebre batterista dei Led Zeppelin John Bonham, ha raccontato un aneddoto sulla prima volta che qualcuno gli offrì cocaina, e si trattava proprio di un membro della band di suo padre.

Jason Bonham e quella volta nell’hotel

Nell’intervista concessa a SiriusXm con Howard Stern, Jason Bonham ha rivelato il momento in cui per la prima volta nella sua vita gli venne offerta della cocaina, e come fu Jimmy Page, il chitarrista dei Led Zeppelin, a farlo. Il tutto accadde in un hotel durante uno dei tour del gruppo inglese. Secondo il racconto di Jason, Page invitò alcune persone nella sua stanza, tra cui il ragazzino sedicenne figlio di John Bonham. Entrati nella stanza, Jason vide una donna sul pavimento che riproduceva i versi di un gatto e Jimmy Page con in mano un macino. Il chitarrista lo girò e lo diede al ragazzino, chiedendogli se lo avesse già fatto, alla risposta affermativa Page disse “Proprio come tuo padre“. Questo accostamento veniva fatto anche nei momenti in cui Jason era ubriaco con il resto della band durante il tour.

Jason ha poi parlato di come questi accostamenti al padre lo facevano sentire appagato, una considerazione sbagliata che ha poi corretto, abbandonando la droga definitivamente.

La morte di John Bonham

Il padre di Jason, John Bonham, batterista dei Led Zeppelin, aveva grossi problemi con l’alcol. Si recava spesso alle prove della band completamente ubriaco. Il giorno 25 settembre 1980, Bonham si presentò alle prove nella villa di Jimmy Page notevolmente ubriaco. Viste le sue condizioni, il batterista venne lasciato a riposare in una stanza in cui venne ritrovato morto il giorno seguente, soffocato dal suo stesso vomito, a soli 32 anni d’età.

 

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.