gtag('config', 'UA-102787715-1');

Jeff Buckley, i misteri della morte della leggenda del rock

Buckley era a Memphis per iniziare la pre-produzione del suo secondo album in studio, il seguito conclamato dell’apprezzatissimo Grace del 1994. Secondo la polizia di Memphis Jeff Buckley, all’epoca di 30 anni, era seduto su una riva del fiume ad ascoltare una radio, insieme a un senzatetto. Il cantante si diresse verso il fiume e quel suo amico lo chiamò e lo avvertì della pericolosità, come affermato anche alla polizia di Memphis. Buckley si girò sulla schiena e cominciò a cantare. Da lì, Jeff cadde nel fiume. Vediamo i misteri della morte della leggenda del rock.

La perquisizione e il ritrovamento

Dopo aver cercato per circa 10 minuti, il suo amico ha chiamato la polizia di Memphis che perquisì la zona in elicottero fino al buio. Tutti i vari sforzi vennero interrotti a causa del buio e a quel punto le volanti deciso di assumere una squadra di sub e una pattuglia del porto. La ricerca continuò il giorno successivo fino a quando non venne trovato. Il manager di Jeff Buckley venne quasi subito a sapere che era scomparso e ancora non aveva pensato al peggio. Buckley morì il 29 maggio 1997, dopo aver fatto una nuotata volontaria nel fiume. Il suo corpo fu trovato a monte alcuni giorni dopo.

I comportamenti strani di Jeff Buckley

Parlando con Talia Schlanger della NPR, il suo ex manager Dave Lory aveva detto che il musicista aveva dei comportamenti molto strani nelle due settimane precedenti la sua morte. “Stava cercando di acquistare una casa che non era in vendita”, ha detto il manager. Stava cercando di acquistare un’auto che non era in vendita. Ha anche fatto domanda per un lavoro come custode di farfalle allo zoo di Memphis e un sacco di cose strane che era insolite per lui. Penso che avesse il desiderio di fermarsi. Voleva una vita normale.” E questo è solo uno dei misteri della morte della leggenda del rock.

Le opinioni del manager

Il manager disse: “Erano le 5:58 – non dimenticherò mai l’ora – la mattina. Ero a Dublino, quindi significava che doveva essere stata quasi l’una di notte a New York e mezzanotte a Memphis. Mi sono solo bloccato, congelato. Pensavo di avere un sogno. Ho lasciato cadere il telefono e non sai cosa fare. Grazie a dio non c’era internet perché sarebbe stato twittato in lungo e in largo. Ero diventato insensibile. Ero totalmente insensibile, nessuna emozione.” Il manager tornò a Memphis e si recò al fiume tre giorni dopo l’incidente, prima che fosse trovato il corpo di Jeff Buckley. Ha detto che ha trascorso i primi 15 minuti in cui era lì a piangere e i successivi 15 minuti a lanciare pietre nell’acqua.

Il sensitivo di Londra

Lory disse che sapeva subito che era morto. Ha anche raccontato una storia di una visita a un sensitivo appena fuori Londra sei anni dopo la morte di Buckley, che gli ha detto: “Un Jeff o un John sta cercando di afferrarti, ha qualcosa a che fare con l’acqua”. Il sensitivo gli disse: “Beh, non so se questo abbia senso, ma non voleva che accadesse, ma non ha combattuto. Non è colpa tua. Va bene lasciarsi andare.”

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.