gtag('config', 'UA-102787715-1');

John Lennon: quella volta che ‘prese in prestito’ un verso di una canzone di Elvis Presley

Nella storia della musica rock ci sono stati incontri che hanno cambiato considerevolmente le sorti di questo genere, incontri e collaborazioni che -in un modo o in un altro- hanno segnato inevitabilmente la storia della musica. Quando due o più star del rock -o comunque due o più geni della musica in generale- si incontrano, il risultato non può che essere impressionante e sorprendente. Questa, però, non è una legge universale. Ci sono, infatti, anche incontri che, alla fine, si sono rivelati a dir poco insignificanti. Oggi, a tal proposito, prenderemo in analisi il caso di John Lennon ed Elvis Presley. In particolar modo vi vogliamo raccontare di quella volta che l’ex Beatles ‘prese in prestito’ un verso di una canzone del re del rock and roll.

Le idee contrastanti tra l’ex Fab Four e il Re del rock and roll

Non è detto che due grandi artisti della musica mondiale debbano piacersi per forza. Anzi, talvolta possono nascere gelosie, invidie e quant’altro. Diciamo solo che l’ex Fab Four John Lennon ed il re del rock and roll Elvis Presley avevano, su certi aspetti, idee contrastanti tra loro. Il primo ad esempio ha sempre portato avanti idee pacifiste, il secondo -invece- era un sostenitore di Lyndon B. Johnson (36° Presidente degli Stati Uniti, noto per aver coinvolto il suo paese nella guerra in Vietnam).

John Lennon: quella volta che ‘prese in prestito’ un verso di una canzone di Elvis Presley

Idee politiche contrastanti a parte, John Lennon ha sempre apprezzato i lavori di Elvis Presley e, in un’intervista rilasciata per Rolling Stone risalente a qualche tempo fa, ha rivelato addirittura di aver preso spunto da un verso di una canzone del Re del rock and roll per la stesura di un suo brano.

In brano in questione si intitola “Run for your Life” ed è estratto dal sesto album in studio dei BeatlesRubber Soul“:

“In realtà è una canzone che avevo completamente rimosso dalla mia mente -ha spiegato l’ex Fab Four- E ad ogni modo, ad essere onesto, ammetto di essermi ispirato al brano Baby Let’s Play House di Elvis Presley. Mi piaceva molto quel pezzo, soprattutto la strofa ‘I’d rather see you dead, little girl than to be with another man’, così l’ho presa e l’ho riportata senza pensarci troppo.” 

Il pezzo Baby Let’s Play House è, in realtà, un brano scritto originariamente da Arthur Gunter nel 1954 e poi ripreso dal Elvis Presley l’anno successivo.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)