gtag('config', 'UA-102787715-1');

John Lennon: Perché la star dei Beatles diseredò suo figlio Julian?

Alla sua morte, avvenuta nel 1980, la star dei Beatles John Lennon, aveva avuto due figli da due matrimoni diversi. Julian Lennon, nato dalla sua unione con Cynthia Powell, è risultato, insieme a sua madre, completamente escluso, dalla maestosa eredità del musicista. Sin dai suoi gloriosi esordi, John Lennon era particolarmente famigerato per il suo comportamento irruento e per il suo forte impegno sul fronte dell’attivismo politico; soprattutto dopo aver incontrato Yoko Ono.

Nel torno di tempo in cui l’ex co-autore dei Beatles rimase insieme alla sua seconda moglie, questi, rilasciò una serie di album di matrice sperimentale che tesero a distanziarlo dalla figura con cui, l’immaginario collettivo, l’aveva idealizzato dopo la sua militanza nel quartetto di Liverpool. In realtà, questo repentino distacco dalle radici, non causò fratture profonde solo tra John Lennon e i fan dei Beatles. La famiglia che aveva costruito insieme alla sua ex moglie, infatti, accusò in maniera particolare le scelte del musicista; innescando circostanze esplosive all’arrivo della sua morte.

Il rapporto con John Lennon raccontato dal figlio Julian

Nel corso di un’intervista rilasciata per il Telegraph nell’ormai lontano 1998, Julian Lennon chiarì con aspra onestà la sua posizione riguardo il rapporto col padre e la frustrazione che, durante gli anni, ha osteggiato il suo quieto vivere. Durante il colloquio, Julian non si riservò dallo sminuire l’opera del padre, definendola incoerente. Secondo il figlio di John Lennon, Julian, infatti, suo padre non sarebbe mai stato nella posizione di declamare un mondo pacifico e libero dai conflitti visto che la sua sfera familiare era, praticamente, una bomba ad orologeria.

“Mio padre non ha mai mostrato la pace e l’amore che millanta nelle sue canzoni alle persone che dovrebbero significare qualcosa per lui, sua moglie e suo figlio. Come può una persona declamare a gran voce ideali tanto nobili quando la sua famiglia cade a pezzi per colpa sua? Tra noi non c’è mai stato dialogo. Solo divorzi e tradimenti. Non puoi essere onesto con le persone se non lo sei prima con te stesso”, disse Julian.

Andando avanti con il colloquio, Julian ha speso alcune parole nei confronti di Yoko Ono, definendola una donna forte ed ammirevole di cui, però, non condivide le ideologie. Dopo la tragica morte di John Lennon, venne rivelato che, il suo intero patrimonio, fosse stato lasciato nelle mani di Yoko Ono e del figlio Sean a causa dei rapporti burrascosi intercorsi tra l’ex Beatle e il primo figlio.

A quanto ammontava il patrimonio dell’ex Beatle?

Quando John Lennon e Cynthia Powell divorziarono, il musicista dovette alla ex moglie un assegno da 2.400 Sterline annuali e, un fondo di 50 mila dollari messo a disposizione del figlio Julian al raggiungimento dei 25 anni. Durante l’intervista sopracitata, Julian, ha definito le manovre del padre al quanto disoneste, pur negando convintamente di intraprendere una battaglia legale; definendola come un dispendio incredibile di tempo ed energie, nonché causa scatenante di conseguenze terribili. L’eredità, completamente affidata a Yoko Ono e Sean Lennon, avrebbe raggiunto, all’epoca, una cifra spaziale di ben 220 milioni di Sterline.

Julian non esitò a contraddire le sue affermazioni, intraprendendo un’aspra battaglia per assicurarsi una parte dell’eredità di suo padre. Il primo figlio di John Lennon riuscì ad accaparrarsi una cifra accettabile, mai dichiarata. Julian investì alcuni di quei soldi acquistando cimeli appartenuti a John Lennon e ai Beatles. Al di la delle controversie, Julian non si è mai detto rancoroso nei confronti del fratellastro Sean, condividendo con lui e sua madre Yoko alcuni degli istanti di commemorazione più importanti dedicati al defunto padre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)