gtag('config', 'UA-102787715-1');

Judas Priest: quando Rob Halford fu arrestato per atti osceni in luogo pubblico

Il frontman dei Judas PriestRob Halford, ha fornito una serie di particolari molto interessanti nella sua nuova autobiografia Confess. Il cantautore ha parlato di quando è stato arrestato per atti osceni in luogo pubblico, mentre si trovava in un bagno pubblico di Venice Beach, in California. Una situazione alquanto imbarazzante, che però non era stata comunicata ai giornali grazie all’aiuto degli agenti di polizia. Scopriamo meglio tutti i dettagli relativi ad un caso alquanto bizzarro.

Il cosiddetto “momento George Michael”

Come già accennato nelle righe precedenti, all’interno del suo libro Rob Halford ha citato una situazione che lo ha reso protagonista. “La polizia mi ha aiutato a non diffondere la notizia del mio arresto, sarebbe stato uno scoop straordinario. Mi riferisco a quello che ho definito come il mio ‘Momento George Michael'”. In pratica, l’artista menziona il suo arresto per atti osceni in luogo pubblico e si riferisce ad una situazione analoga che ha colpito la compianta star nel 1998. Nell’occasione, George Michael era stato pizzicato mentre stava compiendo un atto sessuale insieme ad un agente di polizia sotto copertura. Il fatto era accaduto in un bagno pubblico di Beverly Hills. “Sono stato fortunato, perché le persone che non capiscono la comunità gay ci considera solo come un branco di pervertiti”.

Il sostegno da parte dei fan di tutto il mondo

Cosa sarebbe successo se la notizia fosse stata diffusa a livello globale? Ecco gli auspici di Rob Halford“Mi piacerebbe pensare che se quell’incidente fosse stato comunicato, la maggior parte dei miei fan sarebbe rimasto dalla mia parte”. Il frontman dei Judas Priest rafforza poi la sua tesi: “Alcuni anni dopo, in diretta su MTV, è stato dimostrato che il feedback a livello mondiale sarebbe stato positivo. La gente avrebbe voluto solo che io continuassi ad essere il cantante della band e proseguissi nel mio lavoro”.

Il racconto del coming out di Rob Halford

Rob Halford ha anche fornito una serie di dettagli relativi al suo coming out. Lo ha fatto durante un’intervista rilasciata al giornalista Paul Brannigan, della rivista Louder“Penso che per ogni ragazzo o ragazza gay – spiega Halford – arrivi un periodo nel quale si cerchi di capire chi sei. Può essere molto difficile da fare tutto questo, dato che nella testa ci sono molte cose. In alcuni casi può essere una tortura, ma ti accorgi che è davvero molto importante accettare se stessi e volersi bene”.

Confess, un libro tanto atteso dai fan di Rob Halford

Dunque, Confess lascia presagire numerosi spunti di interesse. L’autobiografia di Rob Halford sarà in vendita presso ogni libreria a partire dal prossimo 29 settembre ed è stata prodotta dall’etichetta Hachette Books. La rivista britannica The Telegraph ha descritto questo testo come “una delle biografie più sorprendenti e sincere dell’anno”. Dall’altra parte, il cantante dei Judas Priest è convinto che il libro sarà in grado di stupire i fan, che lo considereranno divertente, inquietante, terrificante ed elettrizzante.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)