Keith-Flint-vita-carriera-prodigy

Keith Flint: 5 curiosità sulla vita e la carriera del cantante dei Prodigy

Keth Flint, iconico leader e cantante della band elettronica dei Prodigy, si è tolto la vita lo scorso 4 Marzo 2019 nella propria abitazione, a Brook Hill, Dunmow. Assieme alla sua band aveva conquistato la scena underground, rave e techno hardcore inglese durante gli anni ’90. Vediamo oggi 5 curiosità sulla vita e la carriera di Keith Flint.

L’incontro con Liam Howlett e la nascita dei Prodigy

Verso la fine degli anni ’80 Keith Flint era un assiduo frequentatore del mondo dei rave e della musica elettronica. In una di quelle occasioni ebbe modo di incontrare il Dj Liam Howlett e di complimentarsi con lui per i suoi gusti musicali. Keith disse a Howlett che avrebbero dovuto lavorare insieme, proprio sui quei suoni elettronici che aveva intenzione di estremizzare e portare ai massimi livelli.

La partenza come ballerino all’interno dei Prodigy e Firestarter

Dal fortuito incontro tra Liam Howlett e Keith Flint nacque uno dei gruppi più iconici e apprezzati nell’ambiente underground e della musica techno hardcore da rave. L’avventura dei Prodigy inizia nel 1990 e, in principio, Keth Flint serve come ballerino all’interno della formazione. Nel 1996 incomincia la sua carriera come cantante con il singolo Firestarter, pezzo conosciutissimo dei Prodigy. Nel video del brano, Flint fa sfoggio del suo iconico look punk, diventato un marchio di fabbrica del cantante.

Gli altri progetti di Keith Flint

Oltre alla sua carriera nei Prodigy, gruppo con il quale è diventato famoso e passato alla storia, Keith Flint ha partecipato anche ad altri progetti. Ha collaborato ad esempio ai gruppi Flint e Clever Brains Fryin’. Con i primi ha rilasciato un solo singolo – Aim4 – mentre l’album di debutto chiamato Device #1 è stato cancellato. Di Device #1 sono disponibili ancora alcune copie promozionali, anche se non contengono tutte le canzoni che avrebbero dovuto apparire nella versione finale.

La nomination ai Grammy Awards

Con l’album The Fat of the Land, terzo disco in studio dei Prodigy pubblicato nel 1997, la band si guadagnò una nomination ai Grammy Awards. E’ il primo lavoro con Keith Flint alla voce. Da quel momento Flint cantò in tutti gli album della band divenendo un’icona del mondo underground della musica elettronica.

Keith Flint e la passione per il motociclismo

Oltre alla passione per la musica, i suoni elettronici e il mondo dell’arte in generale, Keith Flint era anche un grande appassionato di motociclismo. Una passione che lo ha portato a gareggiare su due ruote al Paul Ricard in un evento promozionale a fianco di gente del calibro di Michael Schumacher, Randy Mamola, Pol Espargaro e John McGuinness. Possedeva anche una propria squadra, il Team Traction Control, che ha corso nel campionato inglese e al Tourist Trophy. 

 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.