gtag('config', 'UA-102787715-1');

Korn, il significato del brano “Coming undone”

Korn hanno un certo impatto sia a livello visivo che a livello uditivo. Di certo non sono conosciuti per un suono pulito e leggero. Sono infatti considerati l’iniziatori di un genere chiamato nu metal e sono anche stati i primi ad ottenere un certo successo in questo ambito. Il temi affrontati nelle loro canzoni sono sempre molto particolari e solitamente molto metaforici. Uno dei singoli dei Korn che ha riscosso un discreto successo è “Coming Undone” che già a partire dal titolo riporta qualche problema di interpretazione. Cosa si nasconde allora dietro il significato di questo brano?

L’album crocevia

Questa canzone è un singolo estratto dal loro settimo album in studio, intitolato “See you on the Other Side” che significa generalmente “ci vediamo dall’altra parte”. L’album che è stato pubblicato nel 2005 rappresenta un crocevia per il gruppo. A questo punto della loro carriera risulta essere l’ultimo inciso con il batterista e quello dopo la separazione dal chitarrista. Guarda caso, cambiarono anche casa discografica. Per collocarlo meglio, a differenza degli album precedenti potrebbe essere collocato alle tipiche sonorità di Marilyn Manson. Il risultato è comunque più che apprezzato, sia dalla critica che dallo stesso gruppo. E’ un prodotto nel tutto nuovo e a detta dello stesso cantante, “groove”. Ancora Devis racconterà di come ogni tanto la band lo riascoltasse e guardandosi dicesse “ma siamo veramente noi?”. I singoli estratti da questo album sono tre, fra cui “Coming Undone”. 

Il significato di “Coming Undone” dei Korn

Per capire al meglio il significato di “Coming Undone” dei Korn, bisogna partire dalla traduzione del testo. Si tratta infatti di una espressione che potrebbe essere resa in italiano come “esurire”, “diventare pazzi”. Si pensa che il riferimento possibili riguardi proprio il cantante, Jonathan DavisEgli ha avuto un infanzia molto particolare, segnata da problemi familiari e anche da crisi asmatiche che gli hanno quasi fatto perdere la vita a cinque anni. L’adolescenza, altrettanto. Sono aspetti che molto si rispecchiano nelle sue canzoni e questa sembra rappresentare quel sottile e labile confine verso l’insania. Nel testo ritroviamo versi come “Guess the black thoughts/have come again to get me”. I pensieri neri arrivano per prenderlo, mentre lui continua a ritenere amici i suoi demoni e il suo cervello, come una bomba, sta esplodendo, soffocato dagli eventi e dall’ira.

Il video di “Coming Undone”

Come un po’ tutti i video dei Korn, anche questo è molto movimentato e a tratti contorto. Si apre in un deserto dove la band suona, interamente vestita di nero. Il cielo limpido -con probabile riferimento all’essenza stessa della canzone- comincia a creparsi e a cedere, per lasciare spazio ad una notte stellata. A sua volta anche la notte scomparirà allo stesso modo e comparirà un’ambientazione completamente bianca. La band, che ha per un tratto cantano in bilico, adesso sta svanendo. Si stanno scomponendo come fossero dei nastri e alla fine contorcendosi, formeranno il nome del produttore: Little X.

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. Ferrata nella stesura di articoli e aspirante scrittrice. (mariageraci9@icloud.com)