gtag('config', 'UA-102787715-1');

Kurt Cobain e i biglietti preziosi di un concerto mai realizzato

L’improvvisa morte di Kurt Cobain, avvenuta il 5 aprile del 1994, ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica rock. Lo storico leader dei Nirvana ci ha lasciato all’età di 27 anni, entrando nel cosiddetto Club 27 con diversi altri artisti del calibro di Jimi HendrixJanis JoplinJim Morrison e, in seguito, Amy Winehouse. Un aneddoto davvero curioso su un concerto che l’artista non è riuscito mai a tenere viene spiegato dall’ex proprietario del club Brixton Academy Simon Parkes.

Il caos assoluto dopo la scomparsa di Kurt Cobain

Secondo quanto affermato da Simon Parkes, la morte di Kurt Cobain avrebbe scatenato una confusione senza precedenti. Infatti, il tragico evento è sopraggiunto solo qualche giorno prima di un insieme di concerti che i Nirvana avrebbero dovuto tenere a Londra. L’uomo ricorda i problemi relativi ai rimborsi dei biglietti collegati all’iniziativa mai portata a termine all’interno del libro Live At The Brixton Academy: A Riotus Life In The Music.



In un passo del testo, il proprietario del locale ha parlato di una spesa economica che sarebbe stata pari a ben 250 mila sterline. Di conseguenza, in una simile situazione, era necessario correre subito ai ripari. “Abbiamo attuato un escamotage”, sottolinea Parkes. “Abbiamo riferito ai fan e agli appassionati dei Nirvana che quei biglietti, nel giro degli anni successivi, sarebbero diventati molto preziosi per chiunque ascoltasse la musica rock”. È bastato un simile accorgimento per evitare che il club arrivasse sull’orlo della bancarotta, quindi.

Come andò l’idea di Simon Parkes

L’idea di Simon Parkes di convincere i fan a non richiedere alcun rimborso ottenne gli effetti positivi sperati. “La mia iniziativa – sottolinea – è diventata globale e ha fatto il giro del mondo. La maggior parte dei fan di Kurt Cobain e dei Nirvana non mi ha chiesto alcun rimborso”. In pratica, meno di una persona su cinque decise di restituire il tagliando per recuperare la cifra già spesa, pari a circa 13 sterline. Parkes ha aggiunto di aver venduto in seguito questi biglietti come memorabilia, con un costo a pezzo pari a circa 100 sterline.



Un guadagno niente male, dunque, per una situazione molto spiacevole che si è tramutata in una notevole opportunità per il club Brixton Academy, che continua ancora oggi a riscuotere un ottimo riscontro in materia di visite da parte dei cittadini londinesi e non solo. Col passare degli anni, dunque, un semplice locale si è trasformato in un vero e proprio luogo iconico, presso il quale orde di fan si recano per ricordare Kurt Cobain e i Nirvana nel loro insieme. La band grunge, nonostante soli sette anni di attività e tre album in studio, viene ancora considerata tra i complessi statunitensi dal maggior impatto musicale e sociale.



Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)