gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le 10 canzoni dei Beatles che John Lennon odiava

Quando citiamo i Beatles parliamo di una delle band più famose di tutti i tempi. I Fab Four, formati da John Lennon, Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison, hanno scritto pagine indelebili nella storia del rock e, soprattutto, hanno completamente rivoluzionato il concetto di musica. Le canzoni dei Beatles, infatti, sono ancora oggi molto ascoltate ed apprezzate da migliaia di persone. In quei 10 anni di attività (dal 1970 al 1980) quei 4 ragazzi di Liverpool hanno collezionato una serie innumerevole di successi, non sono mancati, però, litigi, incomprensioni e brani non esattamente all’altezza dei Beatles. Andiamo a scoprire insieme le 10 canzoni dei Beatles che John Lennon odiava.

Le canzoni dei Beatles che John Lennon odiava

I Beatles hanno scritto circa 300 canzoni e, come potete immaginare, mantenere un certo livello non è un aspetto affatto facile. Non sono mancati, infatti, brani non all’altezza dei Fab Four e vere e proprie delusioni. Dopo lo scioglimento dei Beatles, John Lennon, più e più volte si è soffermato in alcune riflessioni, indicando alcuni brani prodotti con i suoi ex colleghi che l’hanno particolarmente deluso. Siete pronti a scoprirli?

Run for Your Life

Il brano, pubblicato nell’album Rubber Soul del 1965, non era proprio uno dei preferiti di Lennon. L’artista, infatti, più volte descrisse la canzone come “la peggiore dell’intera discografia dei Beatles”. Il frontman dei Beatles non ha mai apprezzato la natura del testo (scritto tra l’altro da lui stesso) e nel 1970 durante un’intervista per Rolling Stone rivelò addirittura di odiare Run for Your Life.

Lovely Rita

Tra le canzoni dei Beatles poco apprezzate da John Lennon c’è anche “Lovely Rita”, pubblicata nell’iconico album Sgt Peppers’s Lonely Hearts Club Band. Scritta dal duo Lennon/McCartney, la canzone tratta dell’amore del narratore per una vigilessa e, questo tema, non ha mai interessato particolarmente John Lennon: “Non mi interessa scrivere di persone del genere, mi piace scrivere di me stesso, perché mi conosco.”

When I’m Sixty-Four

Scritto quasi interamente da Paul McCartney quando aveva appena 16 anni, il brano è stato inserito nell’album del 1967 Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band. E, quando una volta fu chiesto a Lennon se avesse collaborato anche lui alla stesura del brano, egli rispose: “assolutamente no, non mi sognerei mai di scrivere una canzone del genere.”

Good Morning Good Morning

Composta unicamente da Lennon, la canzone prende ispirazione da uno spot dei cereali Kellog che l’autore vide in televisione. “Ho sempre avuto la TV accesa in sottofondo mentre scrivevo le mie canzoni e mi è venuto in mente questo ritornello” -spiegò durante un’intervista l’artista di Liverpool- “ora però posso dire con certezza che questa canzone è vera e propria immondizia.”

Lucy In The Sky With Diamonds

Ovviamente fa un certo effetto notare una delle canzoni più popolari dei Beatles in questa speciale classifica, ma la verità è che John Lennon non l’ha mai amata. Nonostante il valore sentimentale, il paroliere britannico non ha mai apprezzato questa canzone: “Si, è una grande canzone, assolutamente… ma non è una buona traccia perché non è stata registrata bene.”

Hello Goodbye

Lennon non ha risparmiato nemmeno “Hello Goodbye”. Una volta, infatti, il musicista britannico disse del brano: “Non è per niente un gran pezzo, anzi, sono tre minuti di contraddizioni insignificanti. La parte migliore è quella finale, dove io suono il piano.”

Mean Mr Mustard

Anche questo brano, composto da Lennon ed inserito nell’album del ’69 Abbey Road, è finito nel mirino dell’artista di Liverpool. Non soddisfatto del risultato finale, John Lennon in un’intervista nel 1980 disse: “Mean Mr Mustard è un po’ di merda che ho composto in India. Si, insomma, è pura spazzatura.”

Birthday

Birthday, contenuto nell’iconico White Album, non poteva certo sfuggire all’ira di Lennon: “Penso che Paul volesse creare una canzone tipo “Happy Birthday Baby” degli anni cinquanta, ma il risultato finale non mi ha mai convinto per niente.”

It’s Only Love

La canzone, presente nell’album Help!, è una delle più odiate da Lennon. In una vecchia intervista, infatti, disse al riguardo: “Ho sempre odiato questo brano, è a dir poco ripugnante. Il testo poi, è veramente spaventoso.”

Let It Be

E, dulcis in fundo, una delle canzoni più iconiche dei Beatles: Let It Be. Sesta traccia dell’omonimo album, Let It Be è stata aspramente criticata da John Lennon in passato: “Non so Paul cosa avesse in mente quando la compose, ma non ha niente a che fare con i Beatles.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)